Palazzo Giuli Rosselmini Gualandi - Palazzo Blu

Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi _ Palazzo Blu
Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi _ Palazzo Blu (A. Matteucci)

Nel tardo Medioevo il complesso architettonico che oggi costituisce Palazzo Blu apparteneva ad una delle più importanti famiglie della storia pisana, i Dell’Agnello. Era composto da due case-torri affiancate, che i Dell’Agnello nel 1356 decisero di unire ad un'altra loro abitazione per mezzo di un cavalcavia sopra alla viabilità preesistente. Questo secondo edificio è riconoscibile nella parte orientale, arretrata verso sud. A seguito della realizzazione del progetto ne derivò quello che nelle fonti viene definito un «bellissimo edificio e palazzo» consono al ruolo politico di questa famiglia, che nel 1364 salì al dogato cittadino. Nonostante l’esilio del 1368, i Dell’Agnello mantennero il controllo dell’immobile: quando nel 1494 il sovrano francese Carlo VIII arrivò a Pisa si recò alla casa di Messer Giambernardino Dell’Agnello, sul lungarno di S. Cristina.
Nel Cinquecento il palazzo passò nelle mani dei Sancasciani e poi dei Del Testa. Fra il 1577 e l’acquisizione nel 1789 dei Bracci Cambini avvenne la risistemazione della facciata: fu organizzata con finestre quadrangolari dalla cornice in arenaria e con un portone centrale sormontato da un’apertura “inginocchiata” con balconcino. Nel 1807 l’immobile è nelle mani dei conti Archinto, che comperarono una parte del suolo pubblico per allargare verso oriente la facciata, coprendo l’antico cavalcavia e creando una strettoia rispetto alla chiesa di S. Cristina. Il colore esterno del palazzo risale a questo periodo, dovuto probabilmente al gusto di ospiti di S. Pietroburgo che vi soggiornarono. Nel 1864 è il nobile pisano Domenico Giuli ad acquistarlo, edificandovi una nuova ala che rendeva simmetrica la facciata e la collegava con il palazzo Casarosa, di sua proprietà. Negli anni che seguirono il palazzo assunse l'aspetto che ancora conserva.
La Fondazione Pisa acquistando il palazzo all’inizio degli anni Duemila, ha voluto farne la propria sede e realizzare al suo interno un centro di attività culturali ed espositive.

Testi a cura di: M. Febbraro
Ultimo aggiornamento: 19/10/2020

Lungarno Gambacorti, 9, 56126, Pisa

LUNGARNO BELLAVISTA PENTHOUSE
90m
Lungarno Gambacorti, 26 p. 4
Recapito 328 3545208
L'ARCHIVOLTO
140m
Via Curtatone e Montanara, 11/2
Recapito 347 6865378
RELAIS CENTROSTORICO 1? piano
180m
Corso Italia, 26 p. 1? int. 2
Recapito 050 45231
LE DONZELLE DI VETTOVAGLIE
190m
Vicolo delle Donzelle, 3
Recapito 329 8026760
CRUPEL SRL
90m
Lungarno Pacinotti Antonio, 40
Recapito 050 2200423
IL DADO DEL LUMIERE
100m
Lungarno Antonio Pacinotti, 21
Recapito 050 544529 ; 389 2359430
BAGUS WINE & FOOD S.R.L.
100m
Piazza Facchini, 17
Recapito 050 26196
MOSTRA DE CHIRICO A PALAZZO BLU
20m
Palazzo Blu
07-11-2020
09-05-2021
Vital Signs
20m
Museo della Grafica- Palazzo Lanfranchi
24-08-2016
PISA BOMBARDATA, PISA LIBERATA
20m
Palazzo Blu
12-09-2014
26-09-2014