Piazza delle Vettovaglie vista dall'angolo nord-est (X. de Jauréguiberry) photogallery Piazza delle Vettovaglie vista dall'angolo nord-est (X. de Jauréguiberry)

La piazza assunse l’attuale configurazione architettonica in seguito ad una rilettura di questa porzione del tessuto urbano avvenuta tra 1543 e 1565, quando la città faceva parte dello stato mediceo.
Nel medioevo la zona aveva ospitato un vivace quartiere, in cui le residenze e le cappelle dei nobili, come le famiglie Visconti ed Erizi, si alternavano alle botteghe artigiane ed alle osterie. Era presente un piccolo spiazzo denominato "Piassa de’ Porci", che aveva il suo fulcro nel pozzo portato in luce dai recenti scavi archeologici (oggi visibile nell’angolo nord-ovest del porticato).
Già dal 1493 l’Opera del Duomo aveva ottenuto il permesso di costruire nell’area una nuova "Piazza del Grano", dato che il luogo in precedenza dedicato alla vendita dei cereali era stato assegnato all’edificazione della sede dello Studio Pisano (poi Università), ma la rivolta locale e l’istituzione della Seconda Repubblica Pisana ritardarono l’operazione.
Nel XVI secolo per realizzare il nuovo spazio si demolirono alcuni degli edifici preesistenti, mentre altri sui lati nord e ovest furono inglobati nelle costruzioni di gusto rinascimentale. La piazza assunse così la forma di un quadrilatero irregolare, costellato da un loggiato ad archi sorretti da colonne in arenaria, secondo un modello importato dall’ambiente mediceo, già espresso nel cortile della Sapienza e nel chiostro del convento di S. Francesco. In alcuni caseggiati circostanti la piazza e sotto le volte furono poi realizzati numerosi silos granari in laterizi, con una tecnica derivata sempre dall’area fiorentina. Nel Settecento la zona divenne la sede di smercio di vari generi alimentari al dettaglio, assumendo il nome di Piazza delle Vettovaglie, e per motivi igienici fu dotata di una fontana, collegata all’acquedotto granducale, e di una fitta rete di strutture interrate per lo smaltimento dei rifiuti.

Testi a cura della Società storica Pisana - (M. Baldassarri)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Piazza delle Vettovaglie, 38, 56126 Pisa
Itinerari collegati: Santa Maria est
Bibliografia:

Livorno e Pisa: due città e un territorio nella politica dei Medici, catalogo delle mostre medicee pisane, Nistri Lischi e Pacini Editori, Pisa 1980, pp. 251-253.

A. Alberti, M. Baldassarri, Prima delle Vettovaglie: gli scavi archeologici nella piazza, “Architetture pisane” 3 (2004), pp. 42-49.

NELLO STESSO ITINERARIO SANTA MARIA EST

Facciata  - Chiesa S. Giuseppe (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata  - Chiesa S. Giuseppe (Lucarelli, wikimediacommons)
Fondata nel 1530, la chiesa segna l’inizio della costruzione di un ampio impianto ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di Sant'Apollonia (Lucarelli, wikimediacommos) Facciata - Chiesa di Sant'Apollonia (Lucarelli, wikimediacommos)
La chiesa, intitolata a S. Pietro nel 1116, dopo la metà del XII secolo è nota come S. ...
leggi tutto
Statua - Piazza dei Cavalieri (D. Tarantino) Statua - Piazza dei Cavalieri (D. Tarantino)
La piazza è frutto di un’opera urbanistica voluta da Cosimo I nel 1558 ed affidata a ...
leggi tutto
Campano - Torre del Campano e altri edifici medievali (M. Febbraro) Campano - Torre del Campano e altri edifici medievali (M. Febbraro)
Lungo Via Calvalca il più famoso edificio è la Torre del Campano, caratterizzato da ...
leggi tutto
Parte della facciata - La Sapienza (D. Stiaffini) Parte della facciata - La Sapienza (D. Stiaffini)
L’atto di fondazione de La Sapienza risale al 1472 quando Lorenzo il Magnifico ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Frediano (Francesca Anichini) Facciata - Chiesa di San Frediano (Francesca Anichini)
La chiesa di S. Frediano è menzionata per la prima volta nel 1061. ...
leggi tutto
Scorcio - Piazza Dante (wifi.unipi.it) Scorcio - Piazza Dante (wifi.unipi.it)
L’ampio spazio costituito da Piazza Dante è il risultato degli interventi di ...
leggi tutto
Particolare dei palchi e della scena - Teatro Rossi (A. Sobrero) Particolare dei palchi e della scena - Teatro Rossi (A. Sobrero)
Si tratta di uno dei teatri pubblici di Pisa, realizzato nel 1770 all’interno ...
leggi tutto
Piazza Carrara (APT di Pisa) Piazza Carrara (APT di Pisa)
Già Piazza S. ...
leggi tutto
Walking in the City

Piazza delle Vettovaglie

Piazza delle Vettovaglie vista dall'angolo nord-est (X. de Jauréguiberry)

La piazza assunse l’attuale configurazione architettonica in seguito ad una rilettura di questa porzione del tessuto urbano avvenuta tra 1543 e 1565, quando la città faceva parte dello stato mediceo.
Nel medioevo la zona aveva ospitato un vivace quartiere, in cui le residenze e le cappelle dei nobili, come le famiglie Visconti ed Erizi, si alternavano alle botteghe artigiane ed alle osterie. Era presente un piccolo spiazzo denominato "Piassa de’ Porci", che aveva il suo fulcro nel pozzo portato in luce dai recenti scavi archeologici (oggi visibile nell’angolo nord-ovest del porticato).
Già dal 1493 l’Opera del Duomo aveva ottenuto il permesso di costruire nell’area una nuova "Piazza del Grano", dato che il luogo in precedenza dedicato alla vendita dei cereali era stato assegnato all’edificazione della sede dello Studio Pisano (poi Università), ma la rivolta locale e l’istituzione della Seconda Repubblica Pisana ritardarono l’operazione.
Nel XVI secolo per realizzare il nuovo spazio si demolirono alcuni degli edifici preesistenti, mentre altri sui lati nord e ovest furono inglobati nelle costruzioni di gusto rinascimentale. La piazza assunse così la forma di un quadrilatero irregolare, costellato da un loggiato ad archi sorretti da colonne in arenaria, secondo un modello importato dall’ambiente mediceo, già espresso nel cortile della Sapienza e nel chiostro del convento di S. Francesco. In alcuni caseggiati circostanti la piazza e sotto le volte furono poi realizzati numerosi silos granari in laterizi, con una tecnica derivata sempre dall’area fiorentina. Nel Settecento la zona divenne la sede di smercio di vari generi alimentari al dettaglio, assumendo il nome di Piazza delle Vettovaglie, e per motivi igienici fu dotata di una fontana, collegata all’acquedotto granducale, e di una fitta rete di strutture interrate per lo smaltimento dei rifiuti.

Indirizzo:
Bibliografia:

Livorno e Pisa: due città e un territorio nella politica dei Medici, catalogo delle mostre medicee pisane, Nistri Lischi e Pacini Editori, Pisa 1980, pp. 251-253.

A. Alberti, M. Baldassarri, Prima delle Vettovaglie: gli scavi archeologici nella piazza, “Architetture pisane” 3 (2004), pp. 42-49.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
ARCHITETTURA URBANA
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

HOSTERIA DA FERMENTO21m

Piazza Vettovaglie, 37 - Pisa
Tel.: 050 544551 - 347 8583453 FAX: 050 936017
E-mail: hosteriafermento@gmail.com

OSTERIA LA MESCITA32m

Via Cavalca, 2 - Pisa
Tel.: 346 6689525,050 957019

DA. PIZZI & CO. DI NICOLETTI DANIELE E C. S.N.C.39m

Vicolo Delle Donzelle, 9 - Pisa
Tel.: 348 4064725

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

LE DONZELLE DI VETTOVAGLIE B & B49m

Vicolo delle Donzelle, 3 - Pisa
Tel.: 329 8026760
E-mail: niccolain@hotmail.com
Sito: www.bbledonzelle.com

RELAIS DEI MERCANTI67m

Piazza Sant\'Omobono, 16 - Pisa
Tel.: 050 5202135
E-mail: relaisdeimercanti@gmail.com
Sito: www.relaisdeimercanti.it

PENSIONATO UNIVERSITARIO SANTA MARTA71m

Via Tavoleria, 11 - Pisa
Tel.: 050 580590 - 3341396
E-mail: pensionatounivs.marta@virgilio.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

EXPLORE SULLA LUNA E OLTRE

DAL 29 MAR AL 21 LUG 2019
Pisa, Palazzo Blu

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center