Piazza Carrara (APT di Pisa) photogallery Piazza Carrara (APT di Pisa)

Denominata secondo la vicina chiesa di S. Nicola, prima dei restauri lorenesi la piazza offriva da tempo immemore lo spazio al gioco della palla con il bracciolo, dove il concorso del pubblico era numeroso appassionato e coinvolto, sovente arrampicato su palchi di legno. Lo slargo giustapposto al Palazzo Reale tuttavia costituiva anche la piazza della corte. Su di essa si affacciano ancora oggi la residenza granducale, il convento di S. Nicola, il teatro Rossi e antichi palazzi cinquecenteschi, sedi di istituzioni: il collegio Ricci, il palazzo Mazzarosa e il palazzo del Pellegrino.
Sul finire del Settecento il granduca Pietro Leopoldo di Lorena conferì a Pisa il ruolo di seconda città del Granducato, onorandola della presenza della corte con lunghi soggiorni e la funzione di piazza della corte venne riaffermata con importanti lavori di restauro degli edifici e con la realizzazione, nella sua parte settentrionale, del grande teatro ad uso della città e della corte: l’attuale teatro Rossi. Ugualmente il convento di S. Nicola fu restaurato e i lavori, affidati dai frati agostiniani all’architetto Ignazio Pellegrini, si concentrarono sull’intero fronte occidentale dell’edificio con l’ingresso sulla piazza.
Un luogo sino a quel punto scomposto e disadorno si trasformò per volere dei Lorena in una piazza articolata con un fondale a doppio effetto scenografico, il convento da un lato e il teatro dall’altro.
Dal lungarno la lieve inclinazione dell’edificio principale offre una lunga vista diagonale che accentua l’effetto prospettico complessivo mentre l’ingresso da via della Pergola offre una solare vista assiale sul prospetto del convento. Sul punto che rappresenta il fuoco della piazza fu traslato in seguito il monumento a Ferdinando I realizzato da P. Francavilla su disegno del Giambologna e collocato originariamente sul lungarno.

Testi a cura della Società storica Pisana - (A. Sobrero)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Piazza Carrara, 13, 56126 Pisa
Itinerari collegati: Lungarni Santa Maria est
Bibliografia:

F. Cecati, Le piazze di Pisa, Pacini Editore, Pisa 2000.
A. Addobbati, La festa e il gioco nella Toscana del Settecento, Edizioni PLUS, Pisa 2002.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini) Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini)
La chiesa e l’annesso monastero, appartenenti alle monache benedettine, furono ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons)
La chiesa fu fondata intorno al 1118 dai monaci benedettini di Montecassino. ...
leggi tutto
Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin) Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)
La chiesa di S. Michele si trova nell’area orientale della città. ...
leggi tutto
Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons) Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons)
Realizzato nell’area dell’ex stabilimento Richard Ginori e recuperando l’ex monastero ...
leggi tutto
Giardino Scotto (F. Anichini) Giardino Scotto (F. Anichini)
Le fonti archeologiche attestano l’area già insediata in epoca romana. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia) Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)
Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia ...
leggi tutto
Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174) Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174)
L’edificio, illuminato da monofore e costruito in pietra locale, ha pianta ottagonale ...
leggi tutto
Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia) Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia)
L’opera di rinnovamento edilizio che prevedeva il superamento dell’aspetto medievale ...
leggi tutto
Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro) Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro)
Palazzo Mosca è formato da vari edifici realizzati a partire dalla fine del XII ...
leggi tutto
Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons) Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)
Palazzo Blu nel Trecento apparteneva ai Dell’Agnello, importante famiglia nella ...
leggi tutto
Walking in the City

Piazza Carrara

Piazza Carrara (APT di Pisa)

Denominata secondo la vicina chiesa di S. Nicola, prima dei restauri lorenesi la piazza offriva da tempo immemore lo spazio al gioco della palla con il bracciolo, dove il concorso del pubblico era numeroso appassionato e coinvolto, sovente arrampicato su palchi di legno. Lo slargo giustapposto al Palazzo Reale tuttavia costituiva anche la piazza della corte. Su di essa si affacciano ancora oggi la residenza granducale, il convento di S. Nicola, il teatro Rossi e antichi palazzi cinquecenteschi, sedi di istituzioni: il collegio Ricci, il palazzo Mazzarosa e il palazzo del Pellegrino.
Sul finire del Settecento il granduca Pietro Leopoldo di Lorena conferì a Pisa il ruolo di seconda città del Granducato, onorandola della presenza della corte con lunghi soggiorni e la funzione di piazza della corte venne riaffermata con importanti lavori di restauro degli edifici e con la realizzazione, nella sua parte settentrionale, del grande teatro ad uso della città e della corte: l’attuale teatro Rossi. Ugualmente il convento di S. Nicola fu restaurato e i lavori, affidati dai frati agostiniani all’architetto Ignazio Pellegrini, si concentrarono sull’intero fronte occidentale dell’edificio con l’ingresso sulla piazza.
Un luogo sino a quel punto scomposto e disadorno si trasformò per volere dei Lorena in una piazza articolata con un fondale a doppio effetto scenografico, il convento da un lato e il teatro dall’altro.
Dal lungarno la lieve inclinazione dell’edificio principale offre una lunga vista diagonale che accentua l’effetto prospettico complessivo mentre l’ingresso da via della Pergola offre una solare vista assiale sul prospetto del convento. Sul punto che rappresenta il fuoco della piazza fu traslato in seguito il monumento a Ferdinando I realizzato da P. Francavilla su disegno del Giambologna e collocato originariamente sul lungarno.

Indirizzo:
Bibliografia:

F. Cecati, Le piazze di Pisa, Pacini Editore, Pisa 2000.
A. Addobbati, La festa e il gioco nella Toscana del Settecento, Edizioni PLUS, Pisa 2002.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
ARCHITETTURA URBANA
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

DA MANUEL S.R.L.104m

Via S. Maria, 25 - Pisa
Tel.: 335 5613002

RISTORANTE AL VECCHIO TEATRO112m

Via Collegio Ricci, 12 - Pisa
Tel.: 050 20210

IL DADO DEL LUMIERE138m

Lungarno Antonio Pacinotti, 21 - Pisa
Tel.: 050 544529 ; 389 2359430
Sito: www.lumierepisa.com/contatti/

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

GALILEO81m

Via Santa Maria, 12 - Pisa
Tel.: 339 1743810
E-mail: francescapra@alice.it

BOLOGNA158m

Via Giuseppe Mazzini, 57 - Pisa
Tel.: 050 502120
E-mail: info@hotelbologna.pisa.it
Sito: www.hotelbologna.pisa.it

B&B DEI CAVALIERI186m

Piazza Sant\'Antonio, 4 - 6° piano - Pisa
Tel.: 339 2776703
E-mail: info@deicavalieri.pisa.it
Sito: www.deicavalieri.pisa.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

Marenia non solo mare 2019

DAL 04 GIU AL 30 AGO 2019
Pisa, Tirrenia

Arno, compagno di vita

DAL 28 GIU AL 01 SET 2019
Pisa, palazzo Lanfranchi