Palazzo Toscanelli (M. Zampetti) photogallery Palazzo Toscanelli (M. Zampetti)

Realizzato nella prima metà del Cinquecento da Bartolomeo Lanfranchi, si trova in posizione speculare al Palazzo Lanfranchi – voluto dal figlio Alessandro – sulla riva opposta dell’Arno. Nel 1505 Bartolomeo acquistò una domus di cinque piani con loggia, pozzo e pertinenze posta sul Lungarno. La prima ristrutturazione avvenne nel 1560 per opera dell’architetto Giovan Battista Cervelliera, ma fu nel 1576 che Albizzo e Giovanni Lanfranchi realizzarono il sontuoso palazzo con un nuovo fronte rivolto verso il fiume.
La soluzione ideata in questo periodo da Francesco Mosca, detto Meschino, conferì alla facciata un aspetto ‘alla moderna’, con due cantonali laterali lavorati a bugnato sviluppati per tutta l’altezza e l’uso di differenti materiali lapidei. Le modanature in grigio macigno sono ancora visibili nell’apparato portale-balcone-portafinestra, nelle finestre a edicola, in quelle inginocchiate e nei cantonali bugnati.
L’edificio prende il nome dai Toscanelli, famiglia di costruttori della emergente borghesia che lo acquistarono nel 1827. L’intervento di restauro ottocentesco, opera dell’architetto Alessandro Gherardesca, sostituì le incorniciature in arenaria con lastre di marmo in stile neoclassico, oggi non più visibili. Il palazzo fu rinnovato nelle strutture interne e divenne sontuosa dimora di Giovan Battista Toscanelli e di sua moglie Angiola Cipriani.
Ancora visibili gli affreschi sui soffitti di Nicola Cianfanelli, Gaspero Martellini e Annibale Gatti con scene raffiguranti Byron e la poesia, L’apoteosi di Galileo e L’apoteosi di Michelangelo. A quest’ultimo artista è stato attribuito – senza alcun riscontro certo – il progetto dell’edificio. Nel Palazzo Toscanelli si trovava originariamente la scultura del Tribolo raffigurante un’Arpia a cavallo di un rospo, conservata nelle collezioni di Palazzo Blu. Dal 1913 l’edificio è sede dell’Archivio di Stato di Pisa.

Testi a cura della Società storica Pisana - (A. Sobrero, M. Zampetti)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Lungarno Mediceo, 30, Pisa
Itinerari collegati: Lungarni
Bibliografia:

V. Di Feliciantonio, Palazzo Toscanelli, già Lanfranchi, in E. Karwacka Codini, (a cura di), Architettura a Pisa nel primo periodo mediceo, Gangemi Editore, Roma 2011, pp. 166-170.
D. Barsanti, Da impresari edili a famiglia aristocratica. Dimore, abitudini, mentalità, in E. Daniele (a cura di), Le dimore di Pisa, l’arte di abitare di una antica Repubblica Marinara dal medioevo all’Unità d’Italia, Alinea, Firenze 2010, pp. 301-307.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons)
La chiesa fu fondata intorno al 1118 dai monaci benedettini di Montecassino. ...
leggi tutto
Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin) Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)
La chiesa di S. Michele si trova nell’area orientale della città. ...
leggi tutto
Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons) Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons)
Realizzato nell’area dell’ex stabilimento Richard Ginori e recuperando l’ex monastero ...
leggi tutto
Giardino Scotto (F. Anichini) Giardino Scotto (F. Anichini)
Le fonti archeologiche attestano l’area già insediata in epoca romana. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia) Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)
Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia ...
leggi tutto
Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174) Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174)
L’edificio, illuminato da monofore e costruito in pietra locale, ha pianta ottagonale ...
leggi tutto
Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia) Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia)
L’opera di rinnovamento edilizio che prevedeva il superamento dell’aspetto medievale ...
leggi tutto
Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro) Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro)
Palazzo Mosca è formato da vari edifici realizzati a partire dalla fine del XII ...
leggi tutto
Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons) Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)
Palazzo Blu nel Trecento apparteneva ai Dell’Agnello, importante famiglia nella ...
leggi tutto
Walking in the City

Palazzo Toscanelli (già Palazzo Lanfranchi) - Archivio di Stato

Palazzo Toscanelli (M. Zampetti)

Realizzato nella prima metà del Cinquecento da Bartolomeo Lanfranchi, si trova in posizione speculare al Palazzo Lanfranchi – voluto dal figlio Alessandro – sulla riva opposta dell’Arno. Nel 1505 Bartolomeo acquistò una domus di cinque piani con loggia, pozzo e pertinenze posta sul Lungarno. La prima ristrutturazione avvenne nel 1560 per opera dell’architetto Giovan Battista Cervelliera, ma fu nel 1576 che Albizzo e Giovanni Lanfranchi realizzarono il sontuoso palazzo con un nuovo fronte rivolto verso il fiume.
La soluzione ideata in questo periodo da Francesco Mosca, detto Meschino, conferì alla facciata un aspetto ‘alla moderna’, con due cantonali laterali lavorati a bugnato sviluppati per tutta l’altezza e l’uso di differenti materiali lapidei. Le modanature in grigio macigno sono ancora visibili nell’apparato portale-balcone-portafinestra, nelle finestre a edicola, in quelle inginocchiate e nei cantonali bugnati.
L’edificio prende il nome dai Toscanelli, famiglia di costruttori della emergente borghesia che lo acquistarono nel 1827. L’intervento di restauro ottocentesco, opera dell’architetto Alessandro Gherardesca, sostituì le incorniciature in arenaria con lastre di marmo in stile neoclassico, oggi non più visibili. Il palazzo fu rinnovato nelle strutture interne e divenne sontuosa dimora di Giovan Battista Toscanelli e di sua moglie Angiola Cipriani.
Ancora visibili gli affreschi sui soffitti di Nicola Cianfanelli, Gaspero Martellini e Annibale Gatti con scene raffiguranti Byron e la poesia, L’apoteosi di Galileo e L’apoteosi di Michelangelo. A quest’ultimo artista è stato attribuito – senza alcun riscontro certo – il progetto dell’edificio. Nel Palazzo Toscanelli si trovava originariamente la scultura del Tribolo raffigurante un’Arpia a cavallo di un rospo, conservata nelle collezioni di Palazzo Blu. Dal 1913 l’edificio è sede dell’Archivio di Stato di Pisa.

Indirizzo:
Bibliografia:

V. Di Feliciantonio, Palazzo Toscanelli, già Lanfranchi, in E. Karwacka Codini, (a cura di), Architettura a Pisa nel primo periodo mediceo, Gangemi Editore, Roma 2011, pp. 166-170.
D. Barsanti, Da impresari edili a famiglia aristocratica. Dimore, abitudini, mentalità, in E. Daniele (a cura di), Le dimore di Pisa, l’arte di abitare di una antica Repubblica Marinara dal medioevo all’Unità d’Italia, Alinea, Firenze 2010, pp. 301-307.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
EDIFICI STORICI
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

BABETTE FOOD AND ART CAFE'44m

Lungarno Mediceo, 15 - Pisa
Tel.: 050 9913302

TASTEMOTION SRL44m

Lungarno Mediceo, 15 - Pisa
Tel.: 050 541098

BLACK ROSE SRL83m

Via Delle Belle Torri, 14 - Pisa
Tel.: 050 543841

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

VERDI108m

Piazza della Repubblica, 5-6 - Pisa
Tel.: 050 598947
E-mail: info@verdihotel.it
Sito: www.verdihotel.it

RESIDENCE DOMUS219m

Via La Tinta, 11-13 - Pisa
Tel.: 050 2201404 - 412 -
E-mail: info@residencedomus.it
Sito: www.residencedomus.it

GEOGLOBE240m

Via E. Sighieri, 17 - Pisa
Tel.: 347 3057018
E-mail: paolo.l@tin.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

DA MAGRITTE A DUCHAMP 1929: IL GRANDE SURREALISMO DAL CENTRE POMPIDOU

DAL 11 OTT 2018 AL 17 FEB 2019
Pisa, palazzo blu

Pisa vintage

DAL 17 NOV AL 18 NOV 2018
Pisa, Stazione Leopolda

Pisa Buskers per il Monte Pisano

IL 17 NOV 2018
Pisa, centro storico

Bosch, Brueghel, Arcimboldo agli Arsenali repubblicani

DAL 17 NOV 2018 AL 26 MAG 2019
Pisa, Arsenali repubblicani