Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia) photogallery Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia)

L’opera di rinnovamento edilizio che prevedeva il superamento dell’aspetto medievale della città intrapresa tra il XVIII e il XIX secolo, interessò anche il palazzo del Governo o Pretorio, sede dell’Auditore di Governo e della Cancelleria Civile e Criminale, già risultato dell’accorpamento di diversi corpi di fabbrica medievali.
Nel 1785, data la necessità di destinarlo parzialmente ad ospitare le carceri, la comunità pisana si divise tra l’idea di lasciare visibile l’impronta ancora medievale, conferita al palazzo dalle grandi finestre polifore di gusto gotico del primo piano e dalla tripla loggia del secondo piano, e quella di adattarne l’aspetto al nuovo stile già evidente nelle vicine Logge di Banchi. Non giungendo ad un accordo, si decise temporaneamente di soprassedere, e di intervenire solo sopraelevando l’antica torre della Giustizia per farne la Torre dell’Orologio. Soltanto nel 1821 venne approvato il progetto dell’architetto Alessandro Gherardesca per il completo riassetto del palazzo e l’uniformazione con il volto che progressivamente avevano assunto i lungarni. La nuova facciata fu realizzata in forme rustico-toscane, con un maggiore sviluppo longitudinale, e allineando la base della torre al palazzo. Il fronte venne decorato con un fregio marmoreo di Michele Van Lint che sintetizzava stilisticamente gli onori granducali e gli antichi fasti della città.
I bombardamenti del 1944, che colpirono l’antistante ponte di Mezzo, distrussero quasi interamente il palazzo. Nel 1953 l’edificio venne ricostruito da Sanpaolesi basandosi solo parzialmente sui disegni del Gherardesca; il loggiato al piano terreno venne allungato su tutto il fronte e la torre dell’orologio rialzata per svettare maggiormente dal corpo longitudinale.

Testi a cura della Società storica Pisana - (G. Gattiglia)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Lungarno Galileo Galilei, 43, 56125 Pisa
Itinerari collegati: Lungarni
Bibliografia:

E. Tolaini, Le Logge e la zona di Banchi nella storia urbana di Pisa, in “Architetture pisane” 1, Pisa 2004.
R. Ciuti, B. Leoni, Pisa nell’Ottocento. Le trasformazioni della città tra Granducato e Stato unitario, Felici Editore, Pisa 2010, pp. 75-81.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net) Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net)
La piazza nelle forme attuali fu realizzata all’epoca di Cosimo I de Medici sotto la ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro) Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro)
Nel luogo della romanica chiesa di S. Pietro in Vinculis (detta S. ...
leggi tutto
Palazzo Toscanelli (M. Zampetti) Palazzo Toscanelli (M. Zampetti)
Il primo ad acquistare l’antico edificio fu Bartolomeo Lanfranchi nel 1505. ...
leggi tutto
Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti) Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti)
L’edificio che si affaccia sul Lungarno Mediceo deriva dallo sviluppo volumetrico di ...
leggi tutto
Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it) Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it)
Il museo ha sede negli ambienti dell'antico monastero femminile di S. ...
leggi tutto
Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini) Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini)
La chiesa e l’annesso monastero, appartenenti alle monache benedettine, furono ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons)
La chiesa fu fondata intorno al 1118 dai monaci benedettini di Montecassino. ...
leggi tutto
Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin) Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)
La chiesa di S. Michele si trova nell’area orientale della città. ...
leggi tutto
Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons) Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons)
Realizzato nell’area dell’ex stabilimento Richard Ginori e recuperando l’ex monastero ...
leggi tutto
Giardino Scotto (F. Anichini) Giardino Scotto (F. Anichini)
Le fonti archeologiche attestano l’area già insediata in epoca romana. ...
leggi tutto
Walking in the City

Palazzo Pretorio

Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia)

L’opera di rinnovamento edilizio che prevedeva il superamento dell’aspetto medievale della città intrapresa tra il XVIII e il XIX secolo, interessò anche il palazzo del Governo o Pretorio, sede dell’Auditore di Governo e della Cancelleria Civile e Criminale, già risultato dell’accorpamento di diversi corpi di fabbrica medievali.
Nel 1785, data la necessità di destinarlo parzialmente ad ospitare le carceri, la comunità pisana si divise tra l’idea di lasciare visibile l’impronta ancora medievale, conferita al palazzo dalle grandi finestre polifore di gusto gotico del primo piano e dalla tripla loggia del secondo piano, e quella di adattarne l’aspetto al nuovo stile già evidente nelle vicine Logge di Banchi. Non giungendo ad un accordo, si decise temporaneamente di soprassedere, e di intervenire solo sopraelevando l’antica torre della Giustizia per farne la Torre dell’Orologio. Soltanto nel 1821 venne approvato il progetto dell’architetto Alessandro Gherardesca per il completo riassetto del palazzo e l’uniformazione con il volto che progressivamente avevano assunto i lungarni. La nuova facciata fu realizzata in forme rustico-toscane, con un maggiore sviluppo longitudinale, e allineando la base della torre al palazzo. Il fronte venne decorato con un fregio marmoreo di Michele Van Lint che sintetizzava stilisticamente gli onori granducali e gli antichi fasti della città.
I bombardamenti del 1944, che colpirono l’antistante ponte di Mezzo, distrussero quasi interamente il palazzo. Nel 1953 l’edificio venne ricostruito da Sanpaolesi basandosi solo parzialmente sui disegni del Gherardesca; il loggiato al piano terreno venne allungato su tutto il fronte e la torre dell’orologio rialzata per svettare maggiormente dal corpo longitudinale.

Indirizzo:
Bibliografia:

E. Tolaini, Le Logge e la zona di Banchi nella storia urbana di Pisa, in “Architetture pisane” 1, Pisa 2004.
R. Ciuti, B. Leoni, Pisa nell’Ottocento. Le trasformazioni della città tra Granducato e Stato unitario, Felici Editore, Pisa 2010, pp. 75-81.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
EDIFICI STORICI
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

RISTORANTE ENOTECA L'ETICHETTA85m

Via S. Martino, 89 - Pisa
Tel.: 050 24080

BENY111m

Piazza Gambacorti Chiara, 22 - Pisa
Tel.: 050 25067

MACCHERONI DANIELE116m

Lungarno Mediceo, 53 - Pisa
Tel.: 050 541080

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

PONTE DI MEZZO106m

Piazza Garibaldi, 12 - Pisa
Tel.: 349 0880688
E-mail: info@pontedimezzo.com
Sito: www.pontedimezzo.com

LE DONZELLE DI VETTOVAGLIE B & B128m

Vicolo delle Donzelle, 3 - Pisa
Tel.: 329 8026760
E-mail: niccolain@hotmail.com
Sito: www.bbledonzelle.com

ROYAL VICTORIA HOTEL135m

Lungarno Antonio Pacinotti, 12 - Pisa
Tel.: 050 940111
E-mail: post@royalvictoria.it
Sito: www.royalvictoria.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

In questi giorni in cui dobbiamo tutti mostrare senso di responsabilità per l'emergenza coronavirus, non è possibile spostarsi, viaggiare e visitare i luoghi. In base alle recenti disposizioni per il contenimento dell'epidemia di COVID-19, sono stati chiusi musei, luoghi di culto, cinema, teatri, ristoranti, bar e qualsiasi altro luogo di aggregazione.

Pisa è una città amata e conosciuta in tutto il mondo, attraverso questo sito sarà possibile continuare a conoscerla virtualmente, approfondire la sua storia, i monumenti, i musei, gli angoli più nascosti in attesa di ricominciare a viaggiare e di poterci incontrare nuovamente per godere assieme la sua bellezza.

Sotto alcuni link per scoprire insieme la città pur restando a casa:

Per qualsiasi approfondimento in merito alla situazione in Toscana, intesa come destinazione turistica, consigliamo di consultare il seguente link, costantemente aggiornato: https://bit.ly/2IyE3VC"