Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro) photogallery Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro)

Il complesso posto sul Lungarno noto come Palazzo Mosca è formato da vari edifici. I più antichi, realizzati sul finire del XII secolo, sono quelli con pilastri liberi in facciata uniti superiormente un arco ogivale e costruiti completamente in pietra. Ad essi, fra la fine del XII e l’inizio del secolo successivo, viene appoggiata una struttura del tutto uguale per tipologia, che si differenzia solo per l’impiego di laterizi nelle parti sommitali. Nel Duecento le case-torri costruite in adiacenza introducono un nuovo elemento: i pilastri non sono più completamente liberi perché uniti alla base da una muratura continua. L’impegno costruttivo posto in tali edifici dall’alta committenza è visibile anche nelle cornici e negli elementi architettonici sagomati, spesso in marmo.
Nel 1302 Mosca di Ventura, mercante e banchiere trasferitosi a Pisa da S. Gimignano, commissiona a maestro Gerardo da Firenze una lussuosa dimora da inserire fra quelle sopradescritte, tratteggiando puntualmente in un atto giunto fino a noi i caratteri che essa doveva avere.
Dai documenti apprendiamo come i discendenti di Mosca avessero cercato poi di annettere le case limitrofe, sia nel versante sul Lungarno che in quello sulla carraia maiore (odierna via Toselli). Dopo alcune difficoltà, nel XVII secolo i Del Mosca riuscirono non solo a rientrare in possesso dell’antico patrimonio, ma lo incrementano tanto che forse già nel Seicento il palazzo acquisì le dimensioni e l’aspetto attuali, con l’inserimento di tre ordini di finestre in arenaria sulle due facciate principali.
Nello scalone di Palazzo Mosca è esposta stabilmente una selezione delle 300 opere pittoriche di artisti post-impressionisti francesi che il mercante d’arte Bruno Bassano ha donato alla città di Pisa nel 1975.

Testi a cura della Società storica Pisana - (M. Febbraro)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Lungarno Gambacorti, 3, 56125 Pisa
Itinerari collegati: Lungarni Sant'Antonio Piazza dei Miracoli
Bibliografia:

M. Febbraro, Abitare a Pisa. La cappella di S. Cristina in Chinzica: Società e Strutture Insediative tra Medioevo ed Età Contemporanea, in “Archeologia dell’Architettura”, XII (2008), pp. 11-53.
R. Pasqualetti (a cura di), Palazzo Mosca, Lungarno Gambacorti, Pisa, Belforte Grafica, Livorno, 1992.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini) Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini)
La chiesa e l’annesso monastero, appartenenti alle monache benedettine, furono ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons)
La chiesa fu fondata intorno al 1118 dai monaci benedettini di Montecassino. ...
leggi tutto
Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin) Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)
La chiesa di S. Michele si trova nell’area orientale della città. ...
leggi tutto
Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons) Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons)
Realizzato nell’area dell’ex stabilimento Richard Ginori e recuperando l’ex monastero ...
leggi tutto
Giardino Scotto (F. Anichini) Giardino Scotto (F. Anichini)
Le fonti archeologiche attestano l’area già insediata in epoca romana. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia) Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)
Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia ...
leggi tutto
Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174) Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174)
L’edificio, illuminato da monofore e costruito in pietra locale, ha pianta ottagonale ...
leggi tutto
Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia) Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia)
L’opera di rinnovamento edilizio che prevedeva il superamento dell’aspetto medievale ...
leggi tutto
Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons) Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)
Palazzo Blu nel Trecento apparteneva ai Dell’Agnello, importante famiglia nella ...
leggi tutto
Walking in the City

Palazzo Mosca

Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro)

Il complesso posto sul Lungarno noto come Palazzo Mosca è formato da vari edifici. I più antichi, realizzati sul finire del XII secolo, sono quelli con pilastri liberi in facciata uniti superiormente un arco ogivale e costruiti completamente in pietra. Ad essi, fra la fine del XII e l’inizio del secolo successivo, viene appoggiata una struttura del tutto uguale per tipologia, che si differenzia solo per l’impiego di laterizi nelle parti sommitali. Nel Duecento le case-torri costruite in adiacenza introducono un nuovo elemento: i pilastri non sono più completamente liberi perché uniti alla base da una muratura continua. L’impegno costruttivo posto in tali edifici dall’alta committenza è visibile anche nelle cornici e negli elementi architettonici sagomati, spesso in marmo.
Nel 1302 Mosca di Ventura, mercante e banchiere trasferitosi a Pisa da S. Gimignano, commissiona a maestro Gerardo da Firenze una lussuosa dimora da inserire fra quelle sopradescritte, tratteggiando puntualmente in un atto giunto fino a noi i caratteri che essa doveva avere.
Dai documenti apprendiamo come i discendenti di Mosca avessero cercato poi di annettere le case limitrofe, sia nel versante sul Lungarno che in quello sulla carraia maiore (odierna via Toselli). Dopo alcune difficoltà, nel XVII secolo i Del Mosca riuscirono non solo a rientrare in possesso dell’antico patrimonio, ma lo incrementano tanto che forse già nel Seicento il palazzo acquisì le dimensioni e l’aspetto attuali, con l’inserimento di tre ordini di finestre in arenaria sulle due facciate principali.
Nello scalone di Palazzo Mosca è esposta stabilmente una selezione delle 300 opere pittoriche di artisti post-impressionisti francesi che il mercante d’arte Bruno Bassano ha donato alla città di Pisa nel 1975.

Indirizzo:
Bibliografia:

M. Febbraro, Abitare a Pisa. La cappella di S. Cristina in Chinzica: Società e Strutture Insediative tra Medioevo ed Età Contemporanea, in “Archeologia dell’Architettura”, XII (2008), pp. 11-53.
R. Pasqualetti (a cura di), Palazzo Mosca, Lungarno Gambacorti, Pisa, Belforte Grafica, Livorno, 1992.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
EDIFICI STORICI
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

LA NUOVA MURAGLIA SNC DI DENG XIN E ZHAO W.32m

Via Toselli Pietro, 11 - Pisa
Tel.: 050 27372

LA TAVERNA DI PULCINELLA105m

Via Garofani, 10 - Pisa
Tel.: 050 5202704

MCR S.R.L.116m

Corso Italia, 15 - Pisa
Tel.: 050 20300

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

ROYAL VICTORIA HOTEL90m

Lungarno Antonio Pacinotti, 12 - Pisa
Tel.: 050 940111
E-mail: post@royalvictoria.it
Sito: www.royalvictoria.it

LE DONZELLE DI VETTOVAGLIE B & B121m

Vicolo delle Donzelle, 3 - Pisa
Tel.: 329 8026760
E-mail: niccolain@hotmail.com
Sito: www.bbledonzelle.com

MAISON LA NUNZIATINA135m

Via del Cappello, 3 - Pisa
Tel.: 392 1427703
E-mail: francescatorresi@msn.com

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

Museo storico delle Aviotruppe

IL 09 OTT 2019
Pisa, Centro Addestramento Paracadutismo

Mostra "Il Ritmo dello Spazio"

DAL 12 OTT AL 08 DIC 2019
Pisa, Museo della Grafica - Palazzo Lanfranchi

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

"Archetipi spirituali" di Anna Chromy

DAL 20 SET AL 10 NOV 2019
Pisa, centro città