Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia) photogallery Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)

Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia consolare pisana, che lo ristrutturò e lo abitò a partire dal 1539.
L’edificio racchiude un importante spaccato dell’architettura pisana medievale: è infatti il risultato dell’accorpamento di sette case-torri costruite tra gli inizi del XIII secolo e la metà del XIV secolo. Il primo ad intervenire sui diversi corpi di fabbrica fu il lanaiolo pisano Betto Stefani che, agli inizi del Trecento, conferì un assetto unitario all’edificio.
La facciata, invece, è il risultato dei lavori voluti dalla famiglia Lanfranchi, conclusi nel 1555. Qui sono ancora oggi evidenti le inserzioni rinascimentali, dalle finestre timpanate al portale disassato, fino al soprastante terrazzino balaustrato sormontato dallo stemma della famiglia. Il bianco della pietra impiegata in età moderna contrasta nettamente con il rosso delle originarie costruzioni in laterizi delle quali, in facciata e lungo Vicolo Lanfranchi, sono ancora visibili alcuni pilastri, l’imposta delle arcate in mattoni che scandivano l’ampiezza delle case, le finestre tamponate e le buche dei ponteggi medievali.
Il racconto delle diverse fasi costruttive del palazzo è ancor più leggibile all’interno dopo che, il recente restauro dell’intero complesso (arch. Carmassi) ha permesso di mettere nuovamente in luce la trama delle murature più antiche e parte degli affreschi medievali, tra i quali spicca la trecentesca “pittura a vaio”, motivo ornamentale comune ai ricchi palazzi pisani dei Lungarni, che imita la pelliccia conferendo preziosità alla parete.
L’ultima trasformazione del complesso è avvenuta nel XIX secolo con l’abbattimento delle scalinate seicentesche e la creazione di un unico vano scale a tre rampe coperto con un padiglione ed illuminato da un grande lucernario. Attualmente ospita il Museo della Grafica.

Testi a cura della Società storica Pisana - (G. Gattiglia)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Lungarno Galileo Galilei, 8, 56125 Pisa
Itinerari collegati: Lungarni San Martino
Bibliografia:

Un palazzo, una città:il palazzo Lanfranchi in Pisa, Pacini Editore, Pisa 1980.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Palazzo Toscanelli (M. Zampetti) Palazzo Toscanelli (M. Zampetti)
Il primo ad acquistare l’antico edificio fu Bartolomeo Lanfranchi nel 1505. ...
leggi tutto
Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti) Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti)
L’edificio che si affaccia sul Lungarno Mediceo deriva dallo sviluppo volumetrico di ...
leggi tutto
Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it) Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it)
Il museo ha sede negli ambienti dell'antico monastero femminile di S. ...
leggi tutto
Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini) Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini)
La chiesa e l’annesso monastero, appartenenti alle monache benedettine, furono ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons)
La chiesa fu fondata intorno al 1118 dai monaci benedettini di Montecassino. ...
leggi tutto
Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin) Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)
La chiesa di S. Michele si trova nell’area orientale della città. ...
leggi tutto
Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons) Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons)
Realizzato nell’area dell’ex stabilimento Richard Ginori e recuperando l’ex monastero ...
leggi tutto
Giardino Scotto (F. Anichini) Giardino Scotto (F. Anichini)
Le fonti archeologiche attestano l’area già insediata in epoca romana. ...
leggi tutto
Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174) Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174)
L’edificio, illuminato da monofore e costruito in pietra locale, ha pianta ottagonale ...
leggi tutto
Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia) Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia)
L’opera di rinnovamento edilizio che prevedeva il superamento dell’aspetto medievale ...
leggi tutto
Walking in the City

Palazzo Lanfranchi

Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)

Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia consolare pisana, che lo ristrutturò e lo abitò a partire dal 1539.
L’edificio racchiude un importante spaccato dell’architettura pisana medievale: è infatti il risultato dell’accorpamento di sette case-torri costruite tra gli inizi del XIII secolo e la metà del XIV secolo. Il primo ad intervenire sui diversi corpi di fabbrica fu il lanaiolo pisano Betto Stefani che, agli inizi del Trecento, conferì un assetto unitario all’edificio.
La facciata, invece, è il risultato dei lavori voluti dalla famiglia Lanfranchi, conclusi nel 1555. Qui sono ancora oggi evidenti le inserzioni rinascimentali, dalle finestre timpanate al portale disassato, fino al soprastante terrazzino balaustrato sormontato dallo stemma della famiglia. Il bianco della pietra impiegata in età moderna contrasta nettamente con il rosso delle originarie costruzioni in laterizi delle quali, in facciata e lungo Vicolo Lanfranchi, sono ancora visibili alcuni pilastri, l’imposta delle arcate in mattoni che scandivano l’ampiezza delle case, le finestre tamponate e le buche dei ponteggi medievali.
Il racconto delle diverse fasi costruttive del palazzo è ancor più leggibile all’interno dopo che, il recente restauro dell’intero complesso (arch. Carmassi) ha permesso di mettere nuovamente in luce la trama delle murature più antiche e parte degli affreschi medievali, tra i quali spicca la trecentesca “pittura a vaio”, motivo ornamentale comune ai ricchi palazzi pisani dei Lungarni, che imita la pelliccia conferendo preziosità alla parete.
L’ultima trasformazione del complesso è avvenuta nel XIX secolo con l’abbattimento delle scalinate seicentesche e la creazione di un unico vano scale a tre rampe coperto con un padiglione ed illuminato da un grande lucernario. Attualmente ospita il Museo della Grafica.

Indirizzo:
Bibliografia:

Un palazzo, una città:il palazzo Lanfranchi in Pisa, Pacini Editore, Pisa 1980.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
EDIFICI STORICI
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

PIZZERIA GALILEO57m

Via Sebastiano Silvestri, 10/12 - Pisa
Tel.: 050 28287

PIZZERIA DEL GALILEO DI DAILA SAS70m

Via Silvestri, 12 - Pisa
Tel.: 050 500469

OSTERIA DEL VIOLINO113m

Via La Tinta, 33 - Pisa
Tel.: 338 5044455

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

RESIDENCE DOMUS89m

Via La Tinta, 11-13 - Pisa
Tel.: 050 2201404 - 412 -
E-mail: info@residencedomus.it
Sito: www.residencedomus.it

CASA PER FERIE PADRE AGOSTINO202m

Via San Bernardo, 25 - Pisa
Tel.: 050 502245
E-mail: casaperferie@suorefigliedinazareth.it
Sito: www.istitutosuorefigliedinazareth.it

VERDI248m

Piazza della Repubblica, 5-6 - Pisa
Tel.: 050 598947
E-mail: info@verdihotel.it
Sito: www.verdihotel.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

EXPLORE SULLA LUNA E OLTRE

DAL 29 MAR AL 21 LUG 2019
Pisa, Palazzo Blu

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center