Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons) photogallery Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)

Nel tardo Medioevo il complesso architettonico che oggi costituisce Palazzo Blu apparteneva ad una delle più importanti famiglie della storia pisana, i Dell’Agnello. Era composto da due case-torri affiancate, che i Dell’Agnello nel 1356 decisero di unire ad un'altra loro abitazione per mezzo di un cavalcavia sopra alla viabilità preesistente. Questo secondo edificio è riconoscibile nella parte orientale, arretrata verso sud. A seguito della realizzazione del progetto ne derivò quello che nelle fonti viene definito un «bellissimo edificio e palazzo» consono al ruolo politico di questa famiglia, che nel 1364 salì al dogato cittadino. Nonostante l’esilio del 1368, i Dell’Agnello mantennero il controllo dell’immobile: quando nel 1494 il sovrano francese Carlo VIII arrivò a Pisa si recò alla casa di Messer Giambernardino Dell’Agnello, sul lungarno di S. Cristina.
Nel Cinquecento il palazzo passò nelle mani dei Sancasciani e poi dei Del Testa. Fra il 1577 e l’acquisizione nel 1789 dei Bracci Cambini avvenne la risistemazione della facciata: fu organizzata con finestre quadrangolari dalla cornice in arenaria e con un portone centrale sormontato da un’apertura “inginocchiata” con balconcino. Nel 1807 l’immobile è nelle mani dei conti Archinto, che comperarono una parte del suolo pubblico per allargare verso oriente la facciata, coprendo l’antico cavalcavia e creando una strettoia rispetto alla chiesa di S. Cristina. Il colore esterno del palazzo risale a questo periodo, dovuto probabilmente al gusto di ospiti di S. Pietroburgo che vi soggiornarono. Nel 1864 è il nobile pisano Domenico Giuli ad acquistarlo, edificandovi una nuova ala che rendeva simmetrica la facciata e la collegava con il palazzo Casarosa, di sua proprietà. Negli anni che seguirono il palazzo assunse l'aspetto che ancora conserva.
La Fondazione Pisa acquistando il palazzo all’inizio degli anni Duemila, ha voluto farne la propria sede e realizzare al suo interno un centro di attività culturali ed espositive.

Testi a cura della Società storica Pisana - (M. Febbraro)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Lungarno Gambacorti, 6, 56125 Pisa
Itinerari collegati: Lungarni Sant'Antonio Piazza dei Miracoli
Bibliografia:

M. Febbraro, Abitare a Pisa. La cappella di S. Cristina in Chinzica: Società e Strutture Insediative tra Medioevo ed Età Contemporanea, in “Archeologia dell’Architettura”, XII (2008), pp. 11-53.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Giardino Scotto (F. Anichini) Giardino Scotto (F. Anichini)
Le fonti archeologiche attestano l’area già insediata in epoca romana. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia) Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)
Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia ...
leggi tutto
Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174) Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174)
L’edificio, illuminato da monofore e costruito in pietra locale, ha pianta ottagonale ...
leggi tutto
Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia) Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia)
L’opera di rinnovamento edilizio che prevedeva il superamento dell’aspetto medievale ...
leggi tutto
Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro) Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro)
Palazzo Mosca è formato da vari edifici realizzati a partire dalla fine del XII ...
leggi tutto
Esterno - Chiesa di Santa Maria della Spina (M. Baldassarri) Esterno - Chiesa di Santa Maria della Spina (M. Baldassarri)
La chiesa assunse la denominazione attuale in seguito alla donazione della Spina ...
leggi tutto
Facciata - Ex Monastero delle Benedettine (F. Anichini) Facciata - Ex Monastero delle Benedettine (F. Anichini)
Il complesso, costituito da chiesa e monastero, fu edificato per le monache ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno (saliko, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno (saliko, wikimediacommons)
Ricordata come già esistente nel 1032, la chiesa passò ai monaci vallombrosani fra ...
leggi tutto
Ingresso - Cappella di Sant'Agata (M. Febbraro) Ingresso - Cappella di Sant'Agata (M. Febbraro)
La prima attestazione della cappella risale al 1132. ...
leggi tutto
Walking in the City

Palazzo Giuli Rosselmini Gualandi - Palazzo Blu

Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)

Nel tardo Medioevo il complesso architettonico che oggi costituisce Palazzo Blu apparteneva ad una delle più importanti famiglie della storia pisana, i Dell’Agnello. Era composto da due case-torri affiancate, che i Dell’Agnello nel 1356 decisero di unire ad un'altra loro abitazione per mezzo di un cavalcavia sopra alla viabilità preesistente. Questo secondo edificio è riconoscibile nella parte orientale, arretrata verso sud. A seguito della realizzazione del progetto ne derivò quello che nelle fonti viene definito un «bellissimo edificio e palazzo» consono al ruolo politico di questa famiglia, che nel 1364 salì al dogato cittadino. Nonostante l’esilio del 1368, i Dell’Agnello mantennero il controllo dell’immobile: quando nel 1494 il sovrano francese Carlo VIII arrivò a Pisa si recò alla casa di Messer Giambernardino Dell’Agnello, sul lungarno di S. Cristina.
Nel Cinquecento il palazzo passò nelle mani dei Sancasciani e poi dei Del Testa. Fra il 1577 e l’acquisizione nel 1789 dei Bracci Cambini avvenne la risistemazione della facciata: fu organizzata con finestre quadrangolari dalla cornice in arenaria e con un portone centrale sormontato da un’apertura “inginocchiata” con balconcino. Nel 1807 l’immobile è nelle mani dei conti Archinto, che comperarono una parte del suolo pubblico per allargare verso oriente la facciata, coprendo l’antico cavalcavia e creando una strettoia rispetto alla chiesa di S. Cristina. Il colore esterno del palazzo risale a questo periodo, dovuto probabilmente al gusto di ospiti di S. Pietroburgo che vi soggiornarono. Nel 1864 è il nobile pisano Domenico Giuli ad acquistarlo, edificandovi una nuova ala che rendeva simmetrica la facciata e la collegava con il palazzo Casarosa, di sua proprietà. Negli anni che seguirono il palazzo assunse l'aspetto che ancora conserva.
La Fondazione Pisa acquistando il palazzo all’inizio degli anni Duemila, ha voluto farne la propria sede e realizzare al suo interno un centro di attività culturali ed espositive.

Indirizzo:
Bibliografia:

M. Febbraro, Abitare a Pisa. La cappella di S. Cristina in Chinzica: Società e Strutture Insediative tra Medioevo ed Età Contemporanea, in “Archeologia dell’Architettura”, XII (2008), pp. 11-53.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
EDIFICI STORICI
Apertura al pubblicoApertura al pubblico
Accessibilità: Aperto con orario prestabilito
Orario: dalla ore 10,00 alla 18,00 da Martedì a domenica visite guidate gratuite: h. 16-16,35-17,10 ( la visita dura circa 30 minuti). Visite guidate a pagamento per gruppi e scuole prenotando.
BigliettoBiglietto
Gratuito
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

LA NUOVA MURAGLIA SNC DI DENG XIN E ZHAO W.68m

Via Toselli Pietro, 11 - Pisa
Tel.: 050 27372

CRUPEL SRL89m

Lungarno Pacinotti Antonio, 40 - Pisa
Tel.: 050 2200423

BAGUS WINE & FOOD S.R.L.97m

Piazza Facchini, 17 - Pisa
Tel.: 050 26196

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

BOLOGNA76m

Via Giuseppe Mazzini, 57 - Pisa
Tel.: 050 502120
E-mail: info@hotelbologna.pisa.it
Sito: www.hotelbologna.pisa.it

MAZZINI 16 AC 293m

Giuseppe Mazzini, 16 p.2 - Pisa
Tel.: 339 4228697
Sito: www.mazzini16pisa.it

MAZZINI 16 AC 393m

Giuseppe Mazzini, 16 p.3 - Pisa
Tel.: 339 4228697
Sito: www.mazzini16pisa.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

Marenia non solo mare 2019

DAL 04 GIU AL 30 AGO 2019
Pisa, Tirrenia

Arno, compagno di vita

DAL 28 GIU AL 01 SET 2019
Pisa, palazzo Lanfranchi