Palaxio nuovo - Palazzo Gambacorti (M. Febbraro) photogallery Palaxio nuovo - Palazzo Gambacorti (M. Febbraro)

L’attuale sede comunale è il frutto di una lunga storia costruttiva, che gli scavi hanno dimostrato iniziare nella metà dell’XI secolo con la realizzazione di una casatorre inglobata nella parte sud di Palazzo Gambacorti fra Via Toselli (la Carraia Maiore del Medioevo) e Via degli Uffizi.
La tecnica costruttiva impiegata per la sua edificazione, oggi meno leggibile a causa del corpo di fabbrica in appoggio ad est, denota una grande perizia tecnica, rimandando ad una committenza elevata come quella dei Sismondi e dei Visconti, noti per avere numerose proprietà nella zona.
Fra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo ad ovest di tale edificio viene realizzata la “loggia” per mercanti, affittata nel Quattrocento a Catalani e Fiorentini. A causa dei restauri avvenuti tra il XVII secolo e l’età contemporanea, della forma originaria si coglie solo la scansione tripartita del pianterreno per mezzo di archi, corrispondenti all’interno ad altrettante navate coperte da volte a crociera, visibile da via Toselli.
Negli anni ‘80 del Trecento la famiglia Gambacorti realizzò un palaxio novo, riconoscibile nel corpo di fabbrica affacciato sull’Arno nei pressi dell’attuale Ponte di Mezzo, unendolo alle strutture sopracitate per dare vita ad un complesso di prestigio e di grande qualità tecnico-architettonica. Tale abitazione rappresenta un unicum nell’architettura pisana: la pianta quadrangolare, ben sviluppata sia in verticale che in orizzontale, ha il prospetto nord organizzato con tre ordini di aperture e si caratterizza per un effetto bicromatico garantito dall’uso di materiali diversificati, spesso pregiati o estranei all’uso pisano.
In un disegno cinquecentesco si vede la parte superiore del palazzo oggi scomparsa caratterizzata da finestrelle e da archetti ciechi.

Testi a cura della Società storica Pisana - (M. Febbraro)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Lungarno Gambacorti, 1, 56125 Pisa
Itinerari collegati: Piazza dei Miracoli
Bibliografia:

F. Anichini, G. Gattiglia (a cura di), Nuovi dati sulla topografia di Pisa medievale tra X e XVI secolo. Le indagini archeologiche di piazza S. Omobono, via Uffizi, via Consoli del Mare e via Gereschi, in “Archeologia Medievale”, XXXV (2008), pp. 113-142.
R. Pasqualetti (a cura di), Palazzo Gambacorti a Pisa. Un restauro in cantiere, Electa, Milano 1998.

NELLO STESSO ITINERARIO PIAZZA DEI MIRACOLI

Facciata e ingresso del Museo - Orto Botanico (D. Tarantino) Facciata e ingresso del Museo - Orto Botanico (D. Tarantino)
Realizzato tra il 1543 e il 1544 da Cosimo I de’ Medici e su iniziativa del botanico ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Giorgio dei Tedeschi (D. Tarantino) Facciata - Chiesa di San Giorgio dei Tedeschi (D. Tarantino)
La denominazione della chiesa rimanda alla battaglia di Montecatini (1315), durante ...
leggi tutto
Bambino in fasce sopra il portale - Ospizio dei Trovatelli (F. Anichini) Bambino in fasce sopra il portale - Ospizio dei Trovatelli (F. Anichini)
La costruzione dell’Ospizio dei Trovatelli viene fatta risalire al 1315, annesso alla ...
leggi tutto
Battistero di San Giovanni  (Antonio Alberti) Battistero di San Giovanni  (Antonio Alberti)
La fondazione del battistero si data al 1152, ma la sua costruzione ha avuto una ...
leggi tutto
Edificio - Campo Santo Monumentale (A. Alberti) Edificio - Campo Santo Monumentale (A. Alberti)
Il cimitero della Cattedrale fu iniziato nel 1277, per opera di Giovanni di Simone, ...
leggi tutto
Facciata - Cattedrale di Santa Maria (A. Alberti) Facciata - Cattedrale di Santa Maria (A. Alberti)
La prima attestazione della cattedrale risale al 748, anche se la prima attestazione ...
leggi tutto
La torre pendente (A. Alberti) La torre pendente (A. Alberti)
Il 9 agosto 1173 iniziarono i lavori di fondazione della torre campanaria della ...
leggi tutto
Interno - Museo delle Sinopie (Joanbanjo, wikimediacommons) Interno - Museo delle Sinopie (Joanbanjo, wikimediacommons)
Il museo ha sede nell’antico Spedale Nuovo, sorto come pellegrinaio a opera di ...
leggi tutto
Chiostro con loggiato interno - Museo dell'Opera del Duomo (www.toscanissima.com) Chiostro con loggiato interno - Museo dell'Opera del Duomo (www.toscanissima.com)
L’edificio fu abitazione dei canonici, attestati fin dal IX secolo. ...
leggi tutto
Walking in the City

Palazzo Gambacorti

Palaxio nuovo - Palazzo Gambacorti (M. Febbraro)

L’attuale sede comunale è il frutto di una lunga storia costruttiva, che gli scavi hanno dimostrato iniziare nella metà dell’XI secolo con la realizzazione di una casatorre inglobata nella parte sud di Palazzo Gambacorti fra Via Toselli (la Carraia Maiore del Medioevo) e Via degli Uffizi.
La tecnica costruttiva impiegata per la sua edificazione, oggi meno leggibile a causa del corpo di fabbrica in appoggio ad est, denota una grande perizia tecnica, rimandando ad una committenza elevata come quella dei Sismondi e dei Visconti, noti per avere numerose proprietà nella zona.
Fra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo ad ovest di tale edificio viene realizzata la “loggia” per mercanti, affittata nel Quattrocento a Catalani e Fiorentini. A causa dei restauri avvenuti tra il XVII secolo e l’età contemporanea, della forma originaria si coglie solo la scansione tripartita del pianterreno per mezzo di archi, corrispondenti all’interno ad altrettante navate coperte da volte a crociera, visibile da via Toselli.
Negli anni ‘80 del Trecento la famiglia Gambacorti realizzò un palaxio novo, riconoscibile nel corpo di fabbrica affacciato sull’Arno nei pressi dell’attuale Ponte di Mezzo, unendolo alle strutture sopracitate per dare vita ad un complesso di prestigio e di grande qualità tecnico-architettonica. Tale abitazione rappresenta un unicum nell’architettura pisana: la pianta quadrangolare, ben sviluppata sia in verticale che in orizzontale, ha il prospetto nord organizzato con tre ordini di aperture e si caratterizza per un effetto bicromatico garantito dall’uso di materiali diversificati, spesso pregiati o estranei all’uso pisano.
In un disegno cinquecentesco si vede la parte superiore del palazzo oggi scomparsa caratterizzata da finestrelle e da archetti ciechi.

Indirizzo:
Bibliografia:

F. Anichini, G. Gattiglia (a cura di), Nuovi dati sulla topografia di Pisa medievale tra X e XVI secolo. Le indagini archeologiche di piazza S. Omobono, via Uffizi, via Consoli del Mare e via Gereschi, in “Archeologia Medievale”, XXXV (2008), pp. 113-142.
R. Pasqualetti (a cura di), Palazzo Gambacorti a Pisa. Un restauro in cantiere, Electa, Milano 1998.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
EDIFICI STORICI
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

LA NUOVA MURAGLIA SNC DI DENG XIN E ZHAO W.87m

Via Toselli Pietro, 11 - Pisa
Tel.: 050 27372

RISTORANTE ENOTECA L'ETICHETTA96m

Via S. Martino, 89 - Pisa
Tel.: 050 24080

MCR S.R.L.110m

Corso Italia, 15 - Pisa
Tel.: 050 20300

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

PONTE DI MEZZO108m

Piazza Garibaldi, 12 - Pisa
Tel.: 349 0880688
E-mail: info@pontedimezzo.com
Sito: www.pontedimezzo.com

ROYAL VICTORIA HOTEL110m

Lungarno Antonio Pacinotti, 12 - Pisa
Tel.: 050 940111
E-mail: post@royalvictoria.it
Sito: www.royalvictoria.it

LE DONZELLE DI VETTOVAGLIE B & B113m

Vicolo delle Donzelle, 3 - Pisa
Tel.: 329 8026760
E-mail: niccolain@hotmail.com
Sito: www.bbledonzelle.com

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

La musica vocale da camera e i concerti dell’Accademia

DAL 15 GEN AL 11 MAG 2018
Pisa, palazzo blu

Pisa jazz 2018

DAL 30 GEN AL 11 MAG 2018
Pisa, Teatro Verdi

Ludoteca scientifica

DAL 15 MAR AL 26 MAG 2018
Pisa, cittadella galileiana

FRANCESCO FILIDEI

DAL 01 APR AL 30 APR 2018
Pisa, cattedrale di Pisa