Bambino in fasce sopra il portale - Ospizio dei Trovatelli (F. Anichini) photogallery Bambino in fasce sopra il portale - Ospizio dei Trovatelli (F. Anichini)

La costruzione dell’Ospizio dei Trovatelli viene fatta risalire al 1315, dopo la battaglia di Montecatini. L’edificio, annesso alla chiesa di S. Giorgio dei Tedeschi, si chiamava in origine Ospedale della Pace e del Principe, doveva avere circa venti posti letto e aveva la generica funzione di ospizio per malati. Agli inizi del XIV secolo l’ospedale diventa ricovero per bambini abbandonati, nel tentativo di porre rimedio all’antica e diffusa usanza dell’esposizione dei neonati, e viene intitolato al beato Domenico Vernagalli, fondatore nel XIII secolo del primo istituto per orfani gettatelli di Pisa (l’istituto si trovava allora annesso alla chiesa di S. Michele in Borgo). La trasformazione della funzione e del nome dell’edificio sono testimoniati dalla bolla di Papa Martino V del 1419 e da un manoscritto del XVII secolo di autore anonimo. L’Ospizio dei Trovatelli confluirà nell’Ospedale di S. Chiara alla fine de XVII secolo, con la riforma sanitaria del Granduca Pietro Leopoldo di Toscana.
Nell’Ospizio è attestato l’utilizzo della “ruota”, un sistema costituito da un tamburo rotante di legno posto all’esterno dell’edificio davanti ad una finestra con una grata, sul quale veniva adagiato il bambino; una volta fatta girare era possibile recuperare il neonato all’interno della struttura. La grata esterna aveva lo scopo di limitare il numero dei bambini da accogliere, consentendo il passaggio soltanto ai neonati. La rimozione della ruota e l’attuale collocazione risalgono al 1921.
La facciata attualmente visibile, il cui portone principale è decorato con un bambino in fasce, è il rifacimento rinascimentale dell’originaria facciata medievale.

Testi a cura della Società storica Pisana - (F. Anichini)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Via Santa Maria, 108, 56126 Pisa
Itinerari collegati: Piazza dei Miracoli
Bibliografia:

L. Trebbi, La «ruota» di via S. Maria a Pisa (1808-1814). Storie di infanzia abbandonata, ETS, Pisa 1997.

E. Rossi, L’Ospedale dei trovatelli e la Chiesa di S. Giorgio ai Tedeschi, Tipografia Comunale, Pisa s.d.

NELLO STESSO ITINERARIO PIAZZA DEI MIRACOLI

Facciata verso l'Arno - Logge dei Banchi (G. Gattiglia) Facciata verso l'Arno - Logge dei Banchi (G. Gattiglia)
Costruite tra il 1603 e il 1605 per volontà del Granduca di Toscana Ferdinando I ...
leggi tutto
Palaxio nuovo - Palazzo Gambacorti (M. Febbraro) Palaxio nuovo - Palazzo Gambacorti (M. Febbraro)
Palazzo Gambacorti è il frutto di una lunga storia costruttiva iniziata alla metà ...
leggi tutto
Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro) Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro)
Palazzo Mosca è formato da vari edifici realizzati a partire dalla fine del XII ...
leggi tutto
Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons) Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)
Palazzo Blu nel Trecento apparteneva ai Dell’Agnello, importante famiglia nella ...
leggi tutto
Ponte di Mezzo (Daderot, wikimediacommons) Ponte di Mezzo (Daderot, wikimediacommons)
Il ponte, risultato della ricostruzione post-bellica (1946-1950), è lungo 89 m ed ha ...
leggi tutto
Vista dall'alto - Piazza Garibaldi (www.tabaccheria21.net) Vista dall'alto - Piazza Garibaldi (www.tabaccheria21.net)
La piazza è delimitata da edifici storici, che hanno caratterizzato la vita culturale ...
leggi tutto
Facciata, su piazza Garibaldi - Casino dei nobili (A. Sobrero) Facciata, su piazza Garibaldi - Casino dei nobili (A. Sobrero)
In lingua toscana il termine “casino” almeno dal XVI secolo stava ad indicare un ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Michele in Borgo (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di San Michele in Borgo (Lucarelli, wikimediacommons)
La chiesa e l’annesso monastero sono citati per la prima volta nel 1016 come ...
leggi tutto
Capitelli - Ex chiesa SS. Felice e Regolo (F. Anichini) Capitelli - Ex chiesa SS. Felice e Regolo (F. Anichini)
Il palazzetto neogotico che si affaccia su via Ulisse Dini conserva i resti della ...
leggi tutto
Walking in the City

Ospizio dei Trovatelli

Bambino in fasce sopra il portale - Ospizio dei Trovatelli (F. Anichini)

La costruzione dell’Ospizio dei Trovatelli viene fatta risalire al 1315, dopo la battaglia di Montecatini. L’edificio, annesso alla chiesa di S. Giorgio dei Tedeschi, si chiamava in origine Ospedale della Pace e del Principe, doveva avere circa venti posti letto e aveva la generica funzione di ospizio per malati. Agli inizi del XIV secolo l’ospedale diventa ricovero per bambini abbandonati, nel tentativo di porre rimedio all’antica e diffusa usanza dell’esposizione dei neonati, e viene intitolato al beato Domenico Vernagalli, fondatore nel XIII secolo del primo istituto per orfani gettatelli di Pisa (l’istituto si trovava allora annesso alla chiesa di S. Michele in Borgo). La trasformazione della funzione e del nome dell’edificio sono testimoniati dalla bolla di Papa Martino V del 1419 e da un manoscritto del XVII secolo di autore anonimo. L’Ospizio dei Trovatelli confluirà nell’Ospedale di S. Chiara alla fine de XVII secolo, con la riforma sanitaria del Granduca Pietro Leopoldo di Toscana.
Nell’Ospizio è attestato l’utilizzo della “ruota”, un sistema costituito da un tamburo rotante di legno posto all’esterno dell’edificio davanti ad una finestra con una grata, sul quale veniva adagiato il bambino; una volta fatta girare era possibile recuperare il neonato all’interno della struttura. La grata esterna aveva lo scopo di limitare il numero dei bambini da accogliere, consentendo il passaggio soltanto ai neonati. La rimozione della ruota e l’attuale collocazione risalgono al 1921.
La facciata attualmente visibile, il cui portone principale è decorato con un bambino in fasce, è il rifacimento rinascimentale dell’originaria facciata medievale.

Indirizzo:
Bibliografia:

L. Trebbi, La «ruota» di via S. Maria a Pisa (1808-1814). Storie di infanzia abbandonata, ETS, Pisa 1997.

E. Rossi, L’Ospedale dei trovatelli e la Chiesa di S. Giorgio ai Tedeschi, Tipografia Comunale, Pisa s.d.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
EDIFICI STORICI
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

RISTORANTE L'EUROPEO16m

177, Via Santa Maria - Pisa
Tel.: 050 560531

ANTICA TRATTORIA ANTONIETTA26m

Via Santa Maria, 179 - Pisa
Tel.: 050 561810

VALENZA GIOVANNA64m

Via Galli Tassi Angelo, 6 - Pisa
Tel.: 050 560660

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

WINDOW TO THE TOWER30m

Via Santa Maria, 165 - Pisa
Tel.: 333 4643062
E-mail: windowtothetower@gmail.com
Sito: www.windowtothetower.com

RELAIS I MIRACOLI40m

Via Santa Maria, 187 - Pisa
Tel.: 050 560572
E-mail: info@relaisimiracoli.it
Sito: www.relaisimiracoli.it

LOCANDA DEL TURISTA77m

Piazza Arcivescovado, angolo Via Corta - Pisa
Tel.: 050 560932
E-mail: info@ilturista.net

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

In questi giorni in cui dobbiamo tutti mostrare senso di responsabilità per l'emergenza coronavirus, non è possibile spostarsi, viaggiare e visitare i luoghi. In base alle recenti disposizioni per il contenimento dell'epidemia di COVID-19, sono stati chiusi musei, luoghi di culto, cinema, teatri, ristoranti, bar e qualsiasi altro luogo di aggregazione.

Pisa è una città amata e conosciuta in tutto il mondo, attraverso questo sito sarà possibile continuare a conoscerla virtualmente, approfondire la sua storia, i monumenti, i musei, gli angoli più nascosti in attesa di ricominciare a viaggiare e di poterci incontrare nuovamente per godere assieme la sua bellezza.

Sotto alcuni link per scoprire insieme la città pur restando a casa:

Per qualsiasi approfondimento in merito alla situazione in Toscana, intesa come destinazione turistica, consigliamo di consultare il seguente link, costantemente aggiornato: https://bit.ly/2IyE3VC"