Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it) photogallery Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it)

Il museo ha sede negli ambienti dell'antico monastero benedettino femminile di S. Matteo in Soarta (XI secolo), di cui oggi, oltre alla omonima chiesa, restano visibili solo alcune murature medievali, alterate da trasformazioni di epoca moderna e dai restauri del secondo dopoguerra.
Le strutture claustrali tardo-medievali furono realizzate in laterizio in cui si aprono bifore con colonnine e capitelli quasi tutti originali (piano superiore). Il porticato fu in buona parte ristrutturato nel XVI secolo, insieme ad altre aree oggi non fruibili al pubblico. Agli inizi dell'Ottocento vi fu istituito un capitolo di canonichesse ed è probabile che a questo periodo risalga la facciata d'ingresso, di stile neoclassico. Dal 1866 al 1940 vi fu insediato il carcere giudiziario cittadino, con importanti modifiche strutturali.
La trasformazione funzionale e il restauro del complesso edilizio risalgono invece agli anni successivi al secondo conflitto mondiale: nel 1949 nacque il Museo Nazionale di S. Matteo, ordinato da Piero Sanpaolesi secondo criteri basati sulla validità estetica delle opere. In tempi più recenti si è preferito presentare i materiali per tipologie e cercando di ricomporre i complessi originari.
Il museo attualmente è sede della raccolta artistica più ampia delle città. Conserva infatti una cospicua quantità di ceramiche medievali, costituita una ricca serie di bacini ceramici di area mediterranea e dal vasellame medievale e di età moderna proveniente da vari ritrovamenti cittadini (raccolta Tongiorgi). Per l’oreficeria si segnalano alcuni preziosi oggetti, che si accompagnano ad una selezione di monete e di sigilli medievali (collezioni Franceschi e Supino). Di grande importanza è la sezione dedicata ai codici miniati, che conserva esemplari dal XII al XIV secolo, rimarchevoli per la ricchezza delle illustrazioni. La collezione di scultura lapidea comprende opere dal medioevo al Cinquecento, tra cui spiccano notevoli testimonianze del periodo "romanico" e i capolavori di Nicola Pisano e Donatello. Assai nutrite e di massimo rilievo sono le raccolte di scultura in legno e di pittura: questa annovera più di 200 opere realizzate tra gli inizi del XII secolo e l’età moderna da importanti artisti tra i quali Giunta Pisano, Berlinghiero, Simone Martini e Masaccio.

Testi a cura della Società storica Pisana - (C. Balbarini, M. Baldassarri)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Lungarno Mediceo, 4, 56127 Pisa. Tel 050541865
Itinerari collegati: Lungarni
Bibliografia:

M. Burresi, ll Museo Nazionale di S. Matteo, APT, Pisa 1995.

Alla ricerca di un’identità. Le pubbliche collezioni d’arte a Pisa tra Settecento e Novecento, catalogo della mostra (Pisa, Museo nazionale di Palazzo Reale, 15 aprile-30 maggio 1999) a cura di M. Burresi, Bandecchi & Vivaldi, Pontedera 1999.

O. Niglio, M. Alessio, Il convento di San Matteo in Pisa, Pisa 2008.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net) Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net)
La piazza nelle forme attuali fu realizzata all’epoca di Cosimo I de Medici sotto la ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro) Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro)
Nel luogo della romanica chiesa di S. Pietro in Vinculis (detta S. ...
leggi tutto
Palazzo Toscanelli (M. Zampetti) Palazzo Toscanelli (M. Zampetti)
Il primo ad acquistare l’antico edificio fu Bartolomeo Lanfranchi nel 1505. ...
leggi tutto
Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti) Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti)
L’edificio che si affaccia sul Lungarno Mediceo deriva dallo sviluppo volumetrico di ...
leggi tutto
Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini) Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini)
La chiesa e l’annesso monastero, appartenenti alle monache benedettine, furono ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons)
La chiesa fu fondata intorno al 1118 dai monaci benedettini di Montecassino. ...
leggi tutto
Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin) Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)
La chiesa di S. Michele si trova nell’area orientale della città. ...
leggi tutto
Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons) Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons)
Realizzato nell’area dell’ex stabilimento Richard Ginori e recuperando l’ex monastero ...
leggi tutto
Giardino Scotto (F. Anichini) Giardino Scotto (F. Anichini)
Le fonti archeologiche attestano l’area già insediata in epoca romana. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia) Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)
Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia ...
leggi tutto
Walking in the City

Museo Nazionale di San Matteo

Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it)

Il museo ha sede negli ambienti dell'antico monastero benedettino femminile di S. Matteo in Soarta (XI secolo), di cui oggi, oltre alla omonima chiesa, restano visibili solo alcune murature medievali, alterate da trasformazioni di epoca moderna e dai restauri del secondo dopoguerra.
Le strutture claustrali tardo-medievali furono realizzate in laterizio in cui si aprono bifore con colonnine e capitelli quasi tutti originali (piano superiore). Il porticato fu in buona parte ristrutturato nel XVI secolo, insieme ad altre aree oggi non fruibili al pubblico. Agli inizi dell'Ottocento vi fu istituito un capitolo di canonichesse ed è probabile che a questo periodo risalga la facciata d'ingresso, di stile neoclassico. Dal 1866 al 1940 vi fu insediato il carcere giudiziario cittadino, con importanti modifiche strutturali.
La trasformazione funzionale e il restauro del complesso edilizio risalgono invece agli anni successivi al secondo conflitto mondiale: nel 1949 nacque il Museo Nazionale di S. Matteo, ordinato da Piero Sanpaolesi secondo criteri basati sulla validità estetica delle opere. In tempi più recenti si è preferito presentare i materiali per tipologie e cercando di ricomporre i complessi originari.
Il museo attualmente è sede della raccolta artistica più ampia delle città. Conserva infatti una cospicua quantità di ceramiche medievali, costituita una ricca serie di bacini ceramici di area mediterranea e dal vasellame medievale e di età moderna proveniente da vari ritrovamenti cittadini (raccolta Tongiorgi). Per l’oreficeria si segnalano alcuni preziosi oggetti, che si accompagnano ad una selezione di monete e di sigilli medievali (collezioni Franceschi e Supino). Di grande importanza è la sezione dedicata ai codici miniati, che conserva esemplari dal XII al XIV secolo, rimarchevoli per la ricchezza delle illustrazioni. La collezione di scultura lapidea comprende opere dal medioevo al Cinquecento, tra cui spiccano notevoli testimonianze del periodo "romanico" e i capolavori di Nicola Pisano e Donatello. Assai nutrite e di massimo rilievo sono le raccolte di scultura in legno e di pittura: questa annovera più di 200 opere realizzate tra gli inizi del XII secolo e l’età moderna da importanti artisti tra i quali Giunta Pisano, Berlinghiero, Simone Martini e Masaccio.

Indirizzo:
Bibliografia:

M. Burresi, ll Museo Nazionale di S. Matteo, APT, Pisa 1995.

Alla ricerca di un’identità. Le pubbliche collezioni d’arte a Pisa tra Settecento e Novecento, catalogo della mostra (Pisa, Museo nazionale di Palazzo Reale, 15 aprile-30 maggio 1999) a cura di M. Burresi, Bandecchi & Vivaldi, Pontedera 1999.

O. Niglio, M. Alessio, Il convento di San Matteo in Pisa, Pisa 2008.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
MUSEI
Apertura al pubblicoApertura al pubblico
Accessibilità: Aperto con orario prestabilito
Orario: giorni feriali 8,30-19,30; festivi 8,30-13.30 (ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura); chiuso il lunedì, 1 gennaio, 25 dicembre.
BigliettoBiglietto
Prezzo: Adulti: € 5,00, giovani dai 18 anni ai 25 € 2,50 – Gratuito per minori di 18 anni, docenti di Scuole Statali, per studenti e docenti delle Facoltà di Lettere, Beni Culturali e Architettura (purché provenienti da paesi dell'Unione Europea o da paesi con i quali l'Italia ha stipulato trattati di reciprocità) Biglietto cumulativo: intero (adulti) € 8,00 (consente la visita sia al Museo Nazionale di San Matteo che al Museo Nazionale di Palazzo Reale ed ha validità 2 giorni). Ridotto € 4,00 (giovani dai 18 anni ai 25).
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

BABETTE FOOD AND ART CAFE'116m

Lungarno Mediceo, 15 - Pisa
Tel.: 050 9913302

TASTEMOTION SRL116m

Lungarno Mediceo, 15 - Pisa
Tel.: 050 541098

TRATTORIA ALLA GIORNATA136m

Via Santa Bibbiana, 11 - Pisa
Tel.: 050 542504

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

ON THE RIVER161m

Lungarno Bruno Buozzi, 2 - Pisa
Tel.: 329 2018893 - 327 12
E-mail: bbontheriver@gmail.com
Sito: www.bbontheriver.it

RESIDENCE DOMUS190m

Via La Tinta, 11-13 - Pisa
Tel.: 050 2201404 - 412 -
E-mail: info@residencedomus.it
Sito: www.residencedomus.it

VERDI191m

Piazza della Repubblica, 5-6 - Pisa
Tel.: 050 598947
E-mail: info@verdihotel.it
Sito: www.verdihotel.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

EXPLORE SULLA LUNA E OLTRE

DAL 29 MAR AL 21 LUG 2019
Pisa, Palazzo Blu

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

I colori della prosperità: frutti del vecchio e nuovo mondo

DAL 04 GIU AL 30 GIU 2019
Pisa, Museo della Grafica