Giardino Scotto (F. Anichini) photogallery Giardino Scotto (F. Anichini)

Il Giardino Scotto rappresenta l’ultima destinazione di un’area di Pisa oggetto di continue trasformazioni, come dimostrano anche i risultati dei recenti scavi archeologici qui condotti. La zona era probabilmente già parzialmente insediata in età romana, essendo limitrofa al percorso della via Aemilia Scauri. Abbandonata per tutto l’altomedioevo, fu scelta nel 1095 per la fondazione della chiesa di S. Andrea in Chinzica. Nel XIII secolo si distinse come area artigianale legata alla produzione di ceramica, da cui il nome medievale di Baractularia, mentre nel corso del XIV secolo vi vennero installati una serie di impianti utilizzati per fondere campane bronzee, attività nella quale i maestri pisani eccellevano.
Nel XV secolo, dopo la conquista della città, i fiorentini decisero di costruirvi una Cittadella fortificata (1440-75), progettata con la partecipazione di Brunelleschi e volta al controllo dei cittadini pisani. La costruzione, di cui rimangono le due torri semicircolari ed il muro in pietra con scarpa ad ovest, riutilizzò parte delle mura medievali della città e comportò la completa distruzione del preesistente quartiere.
Nel 1495 i pisani insorti distrussero parzialmente la fortezza; tra il 1509 e 1512, in seguito alla seconda conquista fiorentina, Antonio da Sangallo utilizzò parte della fortezza precedente e costruì un nuovo forte a stella a sud ancora visibile da piazza Guerrazzi ed un bastione sull’Arno.
La fortezza fu smantellata nel 1785 e a posto del bastione fu costruito un palazzo nobiliare che presto divenne proprietà di Domenico Scotto, da cui prese il nome, che adibì la retrostante porzione della fortezza a giardino privato. Nel 1936, quando il Palazzo divenne Regia Questura il parco fu donato alla cittadinanza dagli ultimi eredi.

Testi a cura della Società storica Pisana - (F. Anichini)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Lungarno Leonardo Fibonacci, 2, 56125 Pisa
Itinerari collegati: San Martino Lungarni
Bibliografia:

G. Gattiglia, M. Milanese (a cura di), Palazzo Scotto Corsini. Archeologia e storia delle trasformazioni di un'area urbana a Pisa tra XI e XX secolo, Felici Editore, Pisa 2006.
R. Pasqualetti, D. Andolfi (a cura di), La Fortezza di Pisa Dal Brunelleschi al Giardino Scotto. Storia e restauro, ETS, Pisa 2009.

NELLO STESSO ITINERARIO SAN MARTINO

Piazza Chiara Gambacorti (Lucarelli, wikimediacommons) Piazza Chiara Gambacorti (Lucarelli, wikimediacommons)
Nel 2004 la piazza è stata oggetto di uno scavo archeologico che ha permesso di ...
leggi tutto
Lunetta sopra la porta di accesso - Ex Teatro Redini (M. Baldassarri) Lunetta sopra la porta di accesso - Ex Teatro Redini (M. Baldassarri)
Inaugurato nell’autunno del 1901, il teatro prende il nome dal suo fondatore, ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Salviati (www.pisaoggi.it/Guida-di-Pisa/Palazzi) Facciata - Palazzo Salviati (www.pisaoggi.it/Guida-di-Pisa/Palazzi)
Il palazzo aggrega strutture medievali le cui tracce sono ben visibili nel fianco ...
leggi tutto
Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174) Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174)
L’edificio, illuminato da monofore e costruito in pietra locale, ha pianta ottagonale ...
leggi tutto
Nino Pisano (attrib.), Madonna in trono col Bambino detta Madonna dei Vetturini, Museo Nazionale di San Matteo: da Pisa nei secoli. L’arte, la storia, la tradizione, 2, a cura di A. Zampieri, Pisa, ETS, 2003, p. 134, fig. 56 Nino Pisano (attrib.), Madonna in trono col Bambino detta Madonna dei Vetturini, Museo Nazionale di San Matteo: da Pisa nei secoli. L’arte, la storia, la tradizione, 2, a cura di A. Zampieri, Pisa, ETS, 2003, p. 134, fig. 56
Risale alla fine del Cinquecento il trasferimento dalla chiesa di S. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia) Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)
Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia ...
leggi tutto
Walking in the City

Giardino Scotto

Giardino Scotto (F. Anichini)

Il Giardino Scotto rappresenta l’ultima destinazione di un’area di Pisa oggetto di continue trasformazioni, come dimostrano anche i risultati dei recenti scavi archeologici qui condotti. La zona era probabilmente già parzialmente insediata in età romana, essendo limitrofa al percorso della via Aemilia Scauri. Abbandonata per tutto l’altomedioevo, fu scelta nel 1095 per la fondazione della chiesa di S. Andrea in Chinzica. Nel XIII secolo si distinse come area artigianale legata alla produzione di ceramica, da cui il nome medievale di Baractularia, mentre nel corso del XIV secolo vi vennero installati una serie di impianti utilizzati per fondere campane bronzee, attività nella quale i maestri pisani eccellevano.
Nel XV secolo, dopo la conquista della città, i fiorentini decisero di costruirvi una Cittadella fortificata (1440-75), progettata con la partecipazione di Brunelleschi e volta al controllo dei cittadini pisani. La costruzione, di cui rimangono le due torri semicircolari ed il muro in pietra con scarpa ad ovest, riutilizzò parte delle mura medievali della città e comportò la completa distruzione del preesistente quartiere.
Nel 1495 i pisani insorti distrussero parzialmente la fortezza; tra il 1509 e 1512, in seguito alla seconda conquista fiorentina, Antonio da Sangallo utilizzò parte della fortezza precedente e costruì un nuovo forte a stella a sud ancora visibile da piazza Guerrazzi ed un bastione sull’Arno.
La fortezza fu smantellata nel 1785 e a posto del bastione fu costruito un palazzo nobiliare che presto divenne proprietà di Domenico Scotto, da cui prese il nome, che adibì la retrostante porzione della fortezza a giardino privato. Nel 1936, quando il Palazzo divenne Regia Questura il parco fu donato alla cittadinanza dagli ultimi eredi.

Indirizzo:
Bibliografia:

G. Gattiglia, M. Milanese (a cura di), Palazzo Scotto Corsini. Archeologia e storia delle trasformazioni di un'area urbana a Pisa tra XI e XX secolo, Felici Editore, Pisa 2006.
R. Pasqualetti, D. Andolfi (a cura di), La Fortezza di Pisa Dal Brunelleschi al Giardino Scotto. Storia e restauro, ETS, Pisa 2009.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
PARCHI E GIARDINI
Apertura al pubblicoApertura al pubblico
Gen/Nov/Dic: 8.00-17.00, Feb/Mar: 8.00-17.30, Apr/Ott: 8.00-19.00, Mag/Sett: 8.00-20.00, Giu/Lug/Ago: 8.00-20.30
Chiusura: 1° gennaio, Pasqua, 1° Maggio, 25 Dicembre
BigliettoBiglietto
Accesso gratuito
ContattiContatti
050 23044
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

PIZZAMANIA PANUOZZO MANIA191m

Via Del Borghetto, 14 - Pisa
Tel.: 050 9711765

OSTERIA DEL VIOLINO198m

Via La Tinta, 33 - Pisa
Tel.: 338 5044455

RATATOUILLE S.R.L.198m

Via La Tinta, 33 - Pisa
Tel.: 340 5939523

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

RESIDENCE DOMUS172m

Via La Tinta, 11-13 - Pisa
Tel.: 050 2201404 - 412 -
E-mail: info@residencedomus.it
Sito: www.residencedomus.it

ON THE RIVER172m

Lungarno Bruno Buozzi, 2 - Pisa
Tel.: 329 2018893 - 327 12
E-mail: bbontheriver@gmail.com
Sito: www.bbontheriver.it

MINERVA207m

Piazza Giuseppe Toniolo, 20 - Pisa
Tel.: 050 501081
E-mail: info@hotelminervapisa.it
Sito: www.hotelminerva.pisa.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

DA MAGRITTE A DUCHAMP 1929: IL GRANDE SURREALISMO DAL CENTRE POMPIDOU

DAL 11 OTT 2018 AL 17 FEB 2019
Pisa, palazzo blu

Bosch, Brueghel, Arcimboldo agli Arsenali repubblicani

DAL 17 NOV 2018 AL 26 MAG 2019
Pisa, Arsenali repubblicani

Concerto di Natale in cattedrale

IL 15 DIC 2018
Pisa, Cattedrale di Pisa

Eventi di Natale - 15 Dicembre

IL 15 DIC 2018
Pisa, Tirrenia