Capitelli - Ex chiesa SS. Felice e Regolo (F. Anichini) photogallery Capitelli - Ex chiesa SS. Felice e Regolo (F. Anichini)

Il palazzetto neogotico che si affaccia su via Ulisse Dini conserva i resti della chiesa dei SS. Felice e Regolo. L’edificio è frutto di una ristrutturazione di fine ottocento, con cui ha assunto le forme neogotiche, e dei restauri della seconda metà del XX secolo che hanno rimesso in vista le colonne e i capitelli dell’originaria loggia medievale.
La chiesa, attestata a partire dal 1070, sorgeva all’interno della cerchia muraria tardoantica nei pressi della porta detta del Visdomino. Si configurava come una chiesa del tipo a loggia aperta su tre lati. Le colonne e i capitelli che si affacciano su via Dini sono elementi di reimpiego da edifici romani.
I capitelli, datati all’inizio del III secolo d.C., probabilmente opera di maestranze di origine orientale, provengono da un edificio di culto e raffigurano la triade alessandrina (Arpocrate Iside Serapide), a sinistra, e la triade capitolina (Giove Minerva Mercurio) a destra. Altri due capitelli, di tipo composito, sono invece della seconda metà dell’XI secolo, coevi alla costruzione della chiesa.
Forse già prima del XV secolo furono chiuse le arcate della loggia e fu rialzato il suo livello pavimentale; altri restauri furono compiuti nel XVII e nel XVIII secolo, quando l’edificio venne sopraelevato e consolidato. Nel 1785 la chiesa fu soppressa e la loggia fu utilizzata come magazzino, mentre nel 1864 l’edificio fu acquistato dalla Cassa di Risparmio di Pisa che vi installò i propri uffici.
Un affresco trecentesco con la Maddalena è conservato nella sede centrale della Cassa di Risparmio di Pisa (piazza Dante), mentre la tavola raffigurante la cosiddetta Madonna degli Orafi, attribuita a Turino Vanni e datata alla fine del XIV, probabilmente in origine collocata su un altare della chiesa, è visibile al Museo di S. Matteo.

Testi a cura della Società storica Pisana - (F. Anichini)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Piazza Giovan Battista Donati, 7, 56126 Pisa
Itinerari collegati: Piazza dei Miracoli
Bibliografia:

S. Settis (a cura di), Capitelli di mitologia. Da un tempio romano alla chiesa di San Felice in Pisa. Un reimpiego e un restauro, Pisa 1992

G. Garzella, Pisa com era: topografia e insediamento dall impianto tardoantico alla città murata del secolo XII, Napoli 1990, p. 61

NELLO STESSO ITINERARIO PIAZZA DEI MIRACOLI

Giovanni da Milano (attrib.), particolare dell’Annunciazione, Santa Maria del Carmine (affresco staccato dal chiostro): da M. L. Ceccarelli Lemut e F. Paliaga, La chiesa di S. Maria del Carmine, Pisa, ETS, 2002 Giovanni da Milano (attrib.), particolare dell’Annunciazione, Santa Maria del Carmine (affresco staccato dal chiostro): da M. L. Ceccarelli Lemut e F. Paliaga, La chiesa di S. Maria del Carmine, Pisa, ETS, 2002
La chiesa fu fondata nel 1325 dai frati carmelitani provenienti dalla Terrasanta. ...
leggi tutto
Facciata verso l'Arno - Logge dei Banchi (G. Gattiglia) Facciata verso l'Arno - Logge dei Banchi (G. Gattiglia)
Costruite tra il 1603 e il 1605 per volontà del Granduca di Toscana Ferdinando I ...
leggi tutto
Palaxio nuovo - Palazzo Gambacorti (M. Febbraro) Palaxio nuovo - Palazzo Gambacorti (M. Febbraro)
Palazzo Gambacorti è il frutto di una lunga storia costruttiva iniziata alla metà ...
leggi tutto
Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro) Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro)
Palazzo Mosca è formato da vari edifici realizzati a partire dalla fine del XII ...
leggi tutto
Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons) Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)
Palazzo Blu nel Trecento apparteneva ai Dell’Agnello, importante famiglia nella ...
leggi tutto
Ponte di Mezzo (Daderot, wikimediacommons) Ponte di Mezzo (Daderot, wikimediacommons)
Il ponte, risultato della ricostruzione post-bellica (1946-1950), è lungo 89 m ed ha ...
leggi tutto
Vista dall'alto - Piazza Garibaldi (www.tabaccheria21.net) Vista dall'alto - Piazza Garibaldi (www.tabaccheria21.net)
La piazza è delimitata da edifici storici, che hanno caratterizzato la vita culturale ...
leggi tutto
Facciata, su piazza Garibaldi - Casino dei nobili (A. Sobrero) Facciata, su piazza Garibaldi - Casino dei nobili (A. Sobrero)
In lingua toscana il termine “casino” almeno dal XVI secolo stava ad indicare un ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Michele in Borgo (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di San Michele in Borgo (Lucarelli, wikimediacommons)
La chiesa e l’annesso monastero sono citati per la prima volta nel 1016 come ...
leggi tutto
Walking in the City

Ex chiesa dei SS. Felice e Regolo

Capitelli - Ex chiesa SS. Felice e Regolo (F. Anichini)

Il palazzetto neogotico che si affaccia su via Ulisse Dini conserva i resti della chiesa dei SS. Felice e Regolo. L’edificio è frutto di una ristrutturazione di fine ottocento, con cui ha assunto le forme neogotiche, e dei restauri della seconda metà del XX secolo che hanno rimesso in vista le colonne e i capitelli dell’originaria loggia medievale.
La chiesa, attestata a partire dal 1070, sorgeva all’interno della cerchia muraria tardoantica nei pressi della porta detta del Visdomino. Si configurava come una chiesa del tipo a loggia aperta su tre lati. Le colonne e i capitelli che si affacciano su via Dini sono elementi di reimpiego da edifici romani.
I capitelli, datati all’inizio del III secolo d.C., probabilmente opera di maestranze di origine orientale, provengono da un edificio di culto e raffigurano la triade alessandrina (Arpocrate Iside Serapide), a sinistra, e la triade capitolina (Giove Minerva Mercurio) a destra. Altri due capitelli, di tipo composito, sono invece della seconda metà dell’XI secolo, coevi alla costruzione della chiesa.
Forse già prima del XV secolo furono chiuse le arcate della loggia e fu rialzato il suo livello pavimentale; altri restauri furono compiuti nel XVII e nel XVIII secolo, quando l’edificio venne sopraelevato e consolidato. Nel 1785 la chiesa fu soppressa e la loggia fu utilizzata come magazzino, mentre nel 1864 l’edificio fu acquistato dalla Cassa di Risparmio di Pisa che vi installò i propri uffici.
Un affresco trecentesco con la Maddalena è conservato nella sede centrale della Cassa di Risparmio di Pisa (piazza Dante), mentre la tavola raffigurante la cosiddetta Madonna degli Orafi, attribuita a Turino Vanni e datata alla fine del XIV, probabilmente in origine collocata su un altare della chiesa, è visibile al Museo di S. Matteo.

Indirizzo:
Bibliografia:

S. Settis (a cura di), Capitelli di mitologia. Da un tempio romano alla chiesa di San Felice in Pisa. Un reimpiego e un restauro, Pisa 1992

G. Garzella, Pisa com era: topografia e insediamento dall impianto tardoantico alla città murata del secolo XII, Napoli 1990, p. 61

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
MONUMENTI
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

PIZZERIA IL MONTINO11m

V. Monte, 1 - Pisa
Tel.: 050 598695

TRATTORIA SANT'OMOBONO66m

Piazza Sant'Omobono, 6 - Pisa
Tel.: 050 540847

MANI'OMIO79m

P. S. Omobono, 11 - Pisa
Tel.: 050 3195517

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

AFFITTACAMERE M. GORKIJ DI LAZZERINI LUCA44m

Piazza Giovan Battista Donati, 13 - Pisa
Tel.: 050 580395 - 334 132
E-mail: info@gorkij.it
Sito: www.gorkij.it

PENSIONATO UNIVERSITARIO SANTA MARTA47m

Via Tavoleria, 11 - Pisa
Tel.: 050 580590 - 3341396
E-mail: pensionatounivs.marta@virgilio.it

RELAIS DEI MERCANTI49m

Piazza Sant\'Omobono, 16 - Pisa
Tel.: 050 5202135
E-mail: relaisdeimercanti@gmail.com
Sito: www.relaisdeimercanti.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

EXPLORE SULLA LUNA E OLTRE

DAL 29 MAR AL 21 LUG 2019
Pisa, Palazzo Blu

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

Marenia non solo mare 2019

DAL 04 GIU AL 30 AGO 2019
Pisa, Tirrenia