Polittico di Agnano, Cecco di Pietro (attr.) - Collezioni Fondazione Pisa (www.palazzoblu.org) photogallery Polittico di Agnano, Cecco di Pietro (attr.) - Collezioni Fondazione Pisa (www.palazzoblu.org)

Il primo nucleo di quanto oggi si trova esposto a Palazzo Blu fu costituito dalla Cassa di Risparmio di Pisa che nella seconda parte dello scorso secolo acquistò opere d’arte di una certa rilevanza, provenienti in prevalenza dal territorio pisano. A queste opere, per la maggior parte dipinti di grande interesse storico-artistico, si aggiunsero negli anni successivi alcune donazioni di collezionisti e di artisti locali, che accrebbero così il valore culturale della raccolta. Alla sua nascita, l'allora Fondazione CaRiPi - oggi Fondazione Pisa - ha acquistato l’intera collezione della Cassa, proponendosi l'obiettivo di renderla fruibile al pubblico e di arricchirla con acquisti selettivi di opere importanti, collegate alla storia ed alla cultura dell’area pisana.
Al polittico di Agnano di Cecco di Pietro, si sono così aggiunti tele dei maggiori pittori pisani del Seicento come Orazio ed Artemisia Gentileschi, i ritratti dei Roncioni di Desmarais, opere di autori del periodo della macchia, come Luigi Gioli, ma anche alcune sculture di Nino Pisano e del Tribolo, oltre all’intera raccolta di Ottavio Simoneschi, comprendente pitture, ceramiche, monete e mobili antichi.
La collezione che presenta, attraverso opere di grande importanza e notevole qualità, un panorama dell’arte pisana e toscana dal Trecento ad oggi, è ospitata nelle sale di un antico palazzo, dimora nei secoli di diverse casate nobiliare, la cui lunga storia è stata recuperata anche grazie ad un pregevole restauro e ad un allestimento che ricostruisce, dove possibile con l’arredo del tempo, alcuni ambienti della dimora signorile, con soluzioni di grande suggestione.
È sede inoltre di numerose attività culturali e di esposizioni temporanee di respiro nazionale ed internazionale.

Testi a cura della Società storica Pisana - (M. Baldassarri)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Lungarno Gambacorti, 2, 56125 Pisa
Itinerari collegati: Sant'Antonio
Bibliografia:

S. Carollo, Blu. Palazzo d'arte e cultura. Storia e collezioni, Giunti, Milano 2008.

Palazzo Blu. Restauro d’arte e cultura. Le collezioni, Pacini Editore, Pisa 2010.

NELLO STESSO ITINERARIO SANT'ANTONIO

Murale - Keith Haring, Tuttomondo (www.ipernity.com/doc/allanimal/3982665/) Murale - Keith Haring, Tuttomondo (www.ipernity.com/doc/allanimal/3982665/)
Nel 1989, realizzando il murale Tuttomondo sulla parete del convento della chiesa di ...
leggi tutto
Facciata su Via D'Azeglio - Domus Mazziniana (gibellina74) Facciata su Via D'Azeglio - Domus Mazziniana (gibellina74)
La Domus Mazziniana è situata nel palazzo Nathan-Rosselli, dove morì Giuseppe Mazzini ...
leggi tutto
Il cosiddetto “sostegno” all’imbocco del Canale dei navicelli (Dnax, wikimediacommons) Il cosiddetto “sostegno” all’imbocco del Canale dei navicelli (Dnax, wikimediacommons)
Per collegare il porto di Livorno con Firenze attraverso l’Arno, durante il regno di ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno (saliko, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno (saliko, wikimediacommons)
Ricordata come già esistente nel 1032, la chiesa passò ai monaci vallombrosani fra ...
leggi tutto
Ingresso - Cappella di Sant'Agata (M. Febbraro) Ingresso - Cappella di Sant'Agata (M. Febbraro)
La prima attestazione della cappella risale al 1132. ...
leggi tutto
Facciata - Ex Monastero delle Benedettine (F. Anichini) Facciata - Ex Monastero delle Benedettine (F. Anichini)
Il complesso, costituito da chiesa e monastero, fu edificato per le monache ...
leggi tutto
Esterno - Chiesa di Santa Maria della Spina (M. Baldassarri) Esterno - Chiesa di Santa Maria della Spina (M. Baldassarri)
La chiesa assunse la denominazione attuale in seguito alla donazione della Spina ...
leggi tutto
Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons) Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)
Palazzo Blu nel Trecento apparteneva ai Dell’Agnello, importante famiglia nella ...
leggi tutto
Walking in the City

Collezioni Fondazione Pisa, Palazzo Blu

Polittico di Agnano, Cecco di Pietro (attr.) - Collezioni Fondazione Pisa (www.palazzoblu.org)

Il primo nucleo di quanto oggi si trova esposto a Palazzo Blu fu costituito dalla Cassa di Risparmio di Pisa che nella seconda parte dello scorso secolo acquistò opere d’arte di una certa rilevanza, provenienti in prevalenza dal territorio pisano. A queste opere, per la maggior parte dipinti di grande interesse storico-artistico, si aggiunsero negli anni successivi alcune donazioni di collezionisti e di artisti locali, che accrebbero così il valore culturale della raccolta. Alla sua nascita, l'allora Fondazione CaRiPi - oggi Fondazione Pisa - ha acquistato l’intera collezione della Cassa, proponendosi l'obiettivo di renderla fruibile al pubblico e di arricchirla con acquisti selettivi di opere importanti, collegate alla storia ed alla cultura dell’area pisana.
Al polittico di Agnano di Cecco di Pietro, si sono così aggiunti tele dei maggiori pittori pisani del Seicento come Orazio ed Artemisia Gentileschi, i ritratti dei Roncioni di Desmarais, opere di autori del periodo della macchia, come Luigi Gioli, ma anche alcune sculture di Nino Pisano e del Tribolo, oltre all’intera raccolta di Ottavio Simoneschi, comprendente pitture, ceramiche, monete e mobili antichi.
La collezione che presenta, attraverso opere di grande importanza e notevole qualità, un panorama dell’arte pisana e toscana dal Trecento ad oggi, è ospitata nelle sale di un antico palazzo, dimora nei secoli di diverse casate nobiliare, la cui lunga storia è stata recuperata anche grazie ad un pregevole restauro e ad un allestimento che ricostruisce, dove possibile con l’arredo del tempo, alcuni ambienti della dimora signorile, con soluzioni di grande suggestione.
È sede inoltre di numerose attività culturali e di esposizioni temporanee di respiro nazionale ed internazionale.

Indirizzo:
Bibliografia:

S. Carollo, Blu. Palazzo d'arte e cultura. Storia e collezioni, Giunti, Milano 2008.

Palazzo Blu. Restauro d’arte e cultura. Le collezioni, Pacini Editore, Pisa 2010.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
MUSEI
Apertura al pubblicoApertura al pubblico
Le collezioni della Fondazione Pisa sono fruibili dal martedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 19:00 e il sabato e la domenica dalle ore 10:00 alle ore 20:00 (ultimo ingresso un'ora prima della chiusura).
BigliettoBiglietto
L'ingresso alle mostre Dossier è gratuito.
ContattiContatti
Tel.: 050 220.46.50 Email: info@palazzoblu.org
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

LA NUOVA MURAGLIA SNC DI DENG XIN E ZHAO W.81m

Via Toselli Pietro, 11 - Pisa
Tel.: 050 27372

CRUPEL SRL84m

Lungarno Pacinotti Antonio, 40 - Pisa
Tel.: 050 2200423

IL DADO DEL LUMIERE92m

Lungarno Antonio Pacinotti, 21 - Pisa
Tel.: 050 544529 ; 389 2359430
Sito: www.lumierepisa.com/contatti/

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

BOLOGNA61m

Via Giuseppe Mazzini, 57 - Pisa
Tel.: 050 502120
E-mail: info@hotelbologna.pisa.it
Sito: www.hotelbologna.pisa.it

MAZZINI 16 AC 281m

Giuseppe Mazzini, 16 p.2 - Pisa
Tel.: 339 4228697
Sito: www.mazzini16pisa.it

MAZZINI 16 AC 381m

Giuseppe Mazzini, 16 p.3 - Pisa
Tel.: 339 4228697
Sito: www.mazzini16pisa.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

Marenia non solo mare 2019

DAL 04 GIU AL 30 AGO 2019
Pisa, Tirrenia

Arno, compagno di vita

DAL 28 GIU AL 01 SET 2019
Pisa, palazzo Lanfranchi