Facciata - Chiesa e chiostro di San Francesco (C. Balbarini) photogallery Facciata - Chiesa e chiostro di San Francesco (C. Balbarini)

La prima attestazione di una chiesa dedicata a S. Francesco è del 1233. La comunità minorita pisana crebbe rapidamente, favorita dall'appoggio del Comune e da donazioni di privati: la chiesa divenne luogo di pubblica rilevanza, sede di uno studium, di una biblioteca e di uno scriptorium.
Nel 1261 l’arcivescovo Visconti, riconoscendo l’importante ruolo dei frati predicatori, inaugurò i lavori di ampliamento della chiesa sotto la guida di Giovanni di Simone. Di rilievo la costruzione del campanile, per l’ardito sistema di imposta su un arco sospeso. Le difficoltà finanziarie legate alle vicende belliche negli anni finali del Duecento distolsero la città dall'impegno costruttivo; la chiesa risulta incompleta all’inizio del '300, come rivela la facciata, iniziata grazie ai marmi forniti dai Gualandi, ma completata solo in epoca medicea.
Nei secoli successivi la chiesa e il convento subirono numerose ristrutturazioni: nel XV secolo furono edificati due nuovi chiostri e la cappella di S. Bernardino. Tra Cinque e Seicento furono eretti gli altari controriformati e aperte le finestre nella navata, interventi che distrussero gli affreschi trecenteschi.
La maggior parte degli arredi fu dispersa in seguito alle Soppressioni lorenesi e napoleoniche: nel Museo di S. Matteo si conserva il dossale con S. Francesco e storie attribuito a Giunta, mentre la celebre Maestà di Cimabue e le Stimmate di Giotto passarono al Louvre. Sull’altare maggiore resta il dossale marmoreo raffigurante la Madonna col Bambino e santi di Tommaso Pisano. Nelle cappelle del transetto e in quella maggiore si trovano resti di importanti cicli ad affresco primotrecenteschi. Sul lato est della sacrestia si apre la cappella Sardi-Campiglia decorata dagli affreschi di Taddeo di Bartolo (1397), mentre nell’aula capitolare si ammira il ciclo dipinto da Niccolò di Pietro Gerini (1392).

Testi a cura della Società storica Pisana - (C. Balbarini)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Via San Francesco, 14, 56127 Pisa
Itinerari collegati: San Francesco sud
Bibliografia:

M. Ronzani, Il Francescanesimo a Pisa fino alla metà del Trecento, in “Bollettino Storico Pisano”, LIV (1985), pp. 1-55.
F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 49-57.

NELLO STESSO ITINERARIO SAN FRANCESCO SUD

Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net) Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net)
La piazza nelle forme attuali fu realizzata all’epoca di Cosimo I de Medici sotto la ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro) Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro)
Nel luogo della romanica chiesa di S. Pietro in Vinculis (detta S. ...
leggi tutto
Interno (sala con platea e palchi) - Teatro Verdi (www.ediliziainrete.it) Interno (sala con platea e palchi) - Teatro Verdi (www.ediliziainrete.it)
L’idea di dare alla città un nuovo teatro si presentò fin dal 1830, ma fu nel 1864 ...
leggi tutto
Sala di culto - Sinagoga (M. Tognietti) Sala di culto - Sinagoga (M. Tognietti)
Dal 1595 questa Sinagoga è il luogo di culto della Comunità Ebraica Pisana. ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di Sant'Andrea in Foriporta (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di Sant'Andrea in Foriporta (Lucarelli, wikimediacommons)
La prima attestazione di questa chiesa è del 1104. ...
leggi tutto
Epigrafe - Casa natale di Galileo Galilei (A. Sobrero) Epigrafe - Casa natale di Galileo Galilei (A. Sobrero)
Seguendo l'indicazione dell'atto di battesimo, che indicava la parrocchia di ...
leggi tutto
La Limonaia (F. Anichini) La Limonaia (F. Anichini)
La Limonaia di palazzo Ruschi rappresenta un tipico esempio di edificio funzionale a ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di S. Paolo all’Orto (G. Gattiglia) Facciata - Chiesa di S. Paolo all’Orto (G. Gattiglia)
La chiesa è documentata sin dal 1086. Le monache di S. ...
leggi tutto
Gipsoteca di arte antica (Comune di Pisa, Cultura) Gipsoteca di arte antica (Comune di Pisa, Cultura)
La raccolta di calchi in gesso dell’Università di Pisa nasce negli anni post unitari ...
leggi tutto
Walking in the City

Chiesa e chiostro di San Francesco

Facciata - Chiesa e chiostro di San Francesco (C. Balbarini)

La prima attestazione di una chiesa dedicata a S. Francesco è del 1233. La comunità minorita pisana crebbe rapidamente, favorita dall'appoggio del Comune e da donazioni di privati: la chiesa divenne luogo di pubblica rilevanza, sede di uno studium, di una biblioteca e di uno scriptorium.
Nel 1261 l’arcivescovo Visconti, riconoscendo l’importante ruolo dei frati predicatori, inaugurò i lavori di ampliamento della chiesa sotto la guida di Giovanni di Simone. Di rilievo la costruzione del campanile, per l’ardito sistema di imposta su un arco sospeso. Le difficoltà finanziarie legate alle vicende belliche negli anni finali del Duecento distolsero la città dall'impegno costruttivo; la chiesa risulta incompleta all’inizio del '300, come rivela la facciata, iniziata grazie ai marmi forniti dai Gualandi, ma completata solo in epoca medicea.
Nei secoli successivi la chiesa e il convento subirono numerose ristrutturazioni: nel XV secolo furono edificati due nuovi chiostri e la cappella di S. Bernardino. Tra Cinque e Seicento furono eretti gli altari controriformati e aperte le finestre nella navata, interventi che distrussero gli affreschi trecenteschi.
La maggior parte degli arredi fu dispersa in seguito alle Soppressioni lorenesi e napoleoniche: nel Museo di S. Matteo si conserva il dossale con S. Francesco e storie attribuito a Giunta, mentre la celebre Maestà di Cimabue e le Stimmate di Giotto passarono al Louvre. Sull’altare maggiore resta il dossale marmoreo raffigurante la Madonna col Bambino e santi di Tommaso Pisano. Nelle cappelle del transetto e in quella maggiore si trovano resti di importanti cicli ad affresco primotrecenteschi. Sul lato est della sacrestia si apre la cappella Sardi-Campiglia decorata dagli affreschi di Taddeo di Bartolo (1397), mentre nell’aula capitolare si ammira il ciclo dipinto da Niccolò di Pietro Gerini (1392).

Indirizzo:
Bibliografia:

M. Ronzani, Il Francescanesimo a Pisa fino alla metà del Trecento, in “Bollettino Storico Pisano”, LIV (1985), pp. 1-55.
F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 49-57.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
LUOGHI DI CULTO
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

PANINERIA MORDI E FUGGI78m

P. A. D'Ancona, 13 - Pisa
Tel.: 050 577568

050 S.R.L.129m

Via S. Francesco, 36 - Pisa
Tel.: 050 543106

IL COLONNINO DI GHILARDUCCI LAURA146m

Via S. Andrea, 37 - Pisa
Tel.: 050 970829

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

PENSIONATO UNIVERSITARIO SAN GIUSEPPE40m

Via San Francesco, 47 - Località Pisa - Pisa
Tel.: 050 540033/050 57773
E-mail: pensionato.sangiuseppepisa@gmail.com

RINALDI ANTONIETTA88m

Vicolo del Ruschi, 7 - Pisa

RELAIS SASSETTI155m

Via San Francesco, 69 - Pisa
Tel.: 329 8770611
E-mail: info@relaissassetti.it
Sito: www.relaissassetti.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

Mostra "Gipi. Storie d'artista" a Palazzo Blu

DAL 30 LUG AL 13 OTT 2019
Pisa, Palazzo Blu

"Archetipi spirituali" di Anna Chromy

DAL 20 SET AL 10 NOV 2019
Pisa, centro città

Bright 2019 - la notte dei ricercatori

IL 27 SET 2019
Pisa, centro città