Esterno - Chiesa di Santa Maria della Spina (M. Baldassarri) photogallery Esterno - Chiesa di Santa Maria della Spina (M. Baldassarri)

La chiesa, fondata nel 1230, era denominata S. Maria del Ponte novo e sorgeva come oratorio votivo ai piedi del ponte che collegava via S. Antonio a via S. Maria. In seguito alla donazione all’oratorio della reliquia della Spina della Corona di Cristo, nel 1333, esso assunse la denominazione attuale.
Nel corso del Trecento la chiesa subì molti interventi architettonici e decorativi. L’ipotesi più probabile è che a dirigere i lavori sia stato Lupo di Francesco, artista formatosi nella bottega di Giovanni Pisano, che ripropone, nella struttura decorativa a timpani e pinnacoli, le facciate delle cattedrali di Siena e di Orvieto, nonché gli schemi tipici dei monumenti sepolcrali.
I forti legami con lo stile di Giovanni sono evidenti nella decorazione scultorea, in particolare nella galleria degli Apostoli. La facciata si sviluppa in alto in tre guglie ed è spartita al centro da un pilastro, che regge, all’interno di un’edicola, una Madonna col Bambino tra due angeli. In alto, ai vertici dei tre frontoni, si trovano statue dell’Annunciazione e del Redentore (bottega di Andrea Pisano). L’interno è ad aula unica con pareti spartite da fasce bicrome. Sull’altare maggiore sono collocate le statue raffiguranti la Madonna col Bambino, S. Giovanni Battista e S. Pietro, attribuite a Nino ed Andrea Pisano.
Sulla parete sinistra si trova un tabernacolo che conteneva la reliquia della Spina, ora nella chiesa di S. Chiara; nella controfacciata, l’altare sul quale si trovava la Madonna del Latte di Andrea e Nino Pisano (ora al Museo di S. Matteo). A causa dei danni dovuti ai cedimenti del terreno, la chiesa subì numerosi rifacimenti, finché alla metà dell’Ottocento se ne decise lo smontaggio e la ricostruzione in posizione rialzata rispetto al greto del fiume dove si trovava. Ciò comportò la distruzione della sagrestia e la perdita di alcune sculture.

Testi a cura della Società storica Pisana - (C. Balbarini)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Lungarno Gambacorti, 50, 56125 Pisa
Itinerari collegati: Sant'Antonio Lungarni
Bibliografia:

M. Burresi, Santa Maria della Spina in Pisa, Silvana, Cinisello Balsamo (Milano) 1990.
F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 25-28.

NELLO STESSO ITINERARIO SANT'ANTONIO

Facciata su Via D'Azeglio - Domus Mazziniana (gibellina74) Facciata su Via D'Azeglio - Domus Mazziniana (gibellina74)
La Domus Mazziniana è situata nel palazzo Nathan-Rosselli, dove morì Giuseppe Mazzini ...
leggi tutto
Il cosiddetto “sostegno” all’imbocco del Canale dei navicelli (Dnax, wikimediacommons) Il cosiddetto “sostegno” all’imbocco del Canale dei navicelli (Dnax, wikimediacommons)
Per collegare il porto di Livorno con Firenze attraverso l’Arno, durante il regno di ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno (saliko, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno (saliko, wikimediacommons)
Ricordata come già esistente nel 1032, la chiesa passò ai monaci vallombrosani fra ...
leggi tutto
Ingresso - Cappella di Sant'Agata (M. Febbraro) Ingresso - Cappella di Sant'Agata (M. Febbraro)
La prima attestazione della cappella risale al 1132. ...
leggi tutto
Facciata - Ex Monastero delle Benedettine (F. Anichini) Facciata - Ex Monastero delle Benedettine (F. Anichini)
Il complesso, costituito da chiesa e monastero, fu edificato per le monache ...
leggi tutto
Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons) Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)
Palazzo Blu nel Trecento apparteneva ai Dell’Agnello, importante famiglia nella ...
leggi tutto
Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro) Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro)
Palazzo Mosca è formato da vari edifici realizzati a partire dalla fine del XII ...
leggi tutto
I resti di due case-torri emersi con gli scavi archeologici - Via Pietro Toselli (M. Baldassarri) I resti di due case-torri emersi con gli scavi archeologici - Via Pietro Toselli (M. Baldassarri)
In collegamento con via S. Martino, ha inizio via P. Toselli. ...
leggi tutto
Walking in the City

Chiesa di Santa Maria della Spina

Esterno - Chiesa di Santa Maria della Spina (M. Baldassarri)

La chiesa, fondata nel 1230, era denominata S. Maria del Ponte novo e sorgeva come oratorio votivo ai piedi del ponte che collegava via S. Antonio a via S. Maria. In seguito alla donazione all’oratorio della reliquia della Spina della Corona di Cristo, nel 1333, esso assunse la denominazione attuale.
Nel corso del Trecento la chiesa subì molti interventi architettonici e decorativi. L’ipotesi più probabile è che a dirigere i lavori sia stato Lupo di Francesco, artista formatosi nella bottega di Giovanni Pisano, che ripropone, nella struttura decorativa a timpani e pinnacoli, le facciate delle cattedrali di Siena e di Orvieto, nonché gli schemi tipici dei monumenti sepolcrali.
I forti legami con lo stile di Giovanni sono evidenti nella decorazione scultorea, in particolare nella galleria degli Apostoli. La facciata si sviluppa in alto in tre guglie ed è spartita al centro da un pilastro, che regge, all’interno di un’edicola, una Madonna col Bambino tra due angeli. In alto, ai vertici dei tre frontoni, si trovano statue dell’Annunciazione e del Redentore (bottega di Andrea Pisano). L’interno è ad aula unica con pareti spartite da fasce bicrome. Sull’altare maggiore sono collocate le statue raffiguranti la Madonna col Bambino, S. Giovanni Battista e S. Pietro, attribuite a Nino ed Andrea Pisano.
Sulla parete sinistra si trova un tabernacolo che conteneva la reliquia della Spina, ora nella chiesa di S. Chiara; nella controfacciata, l’altare sul quale si trovava la Madonna del Latte di Andrea e Nino Pisano (ora al Museo di S. Matteo). A causa dei danni dovuti ai cedimenti del terreno, la chiesa subì numerosi rifacimenti, finché alla metà dell’Ottocento se ne decise lo smontaggio e la ricostruzione in posizione rialzata rispetto al greto del fiume dove si trovava. Ciò comportò la distruzione della sagrestia e la perdita di alcune sculture.

Indirizzo:
Bibliografia:

M. Burresi, Santa Maria della Spina in Pisa, Silvana, Cinisello Balsamo (Milano) 1990.
F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 25-28.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
LUOGHI DI CULTO
Apertura al pubblicoApertura al pubblico
Non visitabile internamente tranne in caso di aperture straordinarie
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

FLASH PIZZA DI BONOTTI MARCO132m

Via S. Antonio, 33 - Pisa
Tel.: 339 8533300,050 500733,050 541090

HOSTARIA LE REPUBBLICHE MARINARE139m

Vicolo Ricciardi, 8 - Pisa
Tel.: 050 20506

OSTERIA SAN PAOLO147m

V. S. Paolo, 16 - Pisa
Tel.: 050 501194

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

B&B DEI CAVALIERI27m

Piazza Sant\'Antonio, 4 - 6° piano - Pisa
Tel.: 339 2776703
E-mail: info@deicavalieri.pisa.it
Sito: www.deicavalieri.pisa.it

GALILEO176m

Via Santa Maria, 12 - Pisa
Tel.: 339 1743810
E-mail: francescapra@alice.it

MAZZINI 16 AC 2183m

Giuseppe Mazzini, 16 p.2 - Pisa
Tel.: 339 4228697
Sito: www.mazzini16pisa.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

Marenia non solo mare 2019

DAL 04 GIU AL 30 AGO 2019
Pisa, Tirrenia

Arno, compagno di vita

DAL 28 GIU AL 01 SET 2019
Pisa, palazzo Lanfranchi