Giovanni da Milano (attrib.), particolare dell’Annunciazione, Santa Maria del Carmine (affresco staccato dal chiostro): da M. L. Ceccarelli Lemut e F. Paliaga, La chiesa di S. Maria del Carmine, Pisa, ETS, 2002 photogallery Giovanni da Milano (attrib.), particolare dell’Annunciazione, Santa Maria del Carmine (affresco staccato dal chiostro): da M. L. Ceccarelli Lemut e F. Paliaga, La chiesa di S. Maria del Carmine, Pisa, ETS, 2002

La chiesa sorge sul fondo della piazza omonima che si apre a sinistra dell’attuale corso Italia, antica via S. Gilio (o S. Egidio). Fondata dai frati carmelitani nel 1325, la chiesa con l’annesso convento subirono radicali trasformazioni tra la seconda metà del Cinquecento e il 1612, anno della riconsacrazione. Ingenti furono i danni durante la seconda guerra mondiale, come dimostra la ricostruzione del tetto a capriate in cemento a vista, realizzato nel 1965. Le forme trecentesche furono completamente nascoste, all’interno, dal riordino degli arredi deciso dal Concilio di Trento, in particolare dalla sostituzione degli antichi altari con quelli barocchi, mentre all’esterno è ancora possibile riconoscere l’originaria struttura gotica in laterizi (lato settentrionale).
Da segnalare la costruzione, a partire dal 1425, della cappella commissionata dal notaio Giuliano di Colino degli Scarsi, per la quale Masaccio realizzò la grande pala d’altare oggi smembrata tra Pisa (Museo di S. Matteo, S. Paolo), Londra (National Gallery), Berlino (Staatliche Museen), Napoli (Museo di Capodimonte) e Malibu (Paul Getty Museum).
Di rilievo anche i dipinti risalenti ai secoli successivi che adornano ancora gli altari cinquecenteschi: tra questi, la Madonna in gloria e Santi firmata da Aurelio Lomi (1590 ca.) e l’Ascensione di Cristo di Alessandro Allori (1581), rispettivamente sul primo e sul secondo altare della parete sinistra, e l’Apparizione della Vergine a S. Andrea Corsini di Francesco Curradi (1629 ca.) sull’altare nella controfacciata. Dei dipinti trecenteschi si conserva nel refettorio un frammento raffigurante l’Annunciazione. Nel chiostro si possono ancora ammirare, nelle lunette, tre affreschi primo-seicenteschi, resti di un più vasto ciclo con Storie della vita di santi carmelitani e Storie cristologiche.

Testi a cura della Società storica Pisana - (C. Balbarini)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Corso Italia, 88, 56125 Pisa
Itinerari collegati: Piazza dei Miracoli
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa, ETS, Pisa 2005, pp. 162-166.

M. L. Ceccarelli Lemut, F. Paliaga, La Chiesa di S. Maria del Carmine, ETS, Pisa 2002.

NELLO STESSO ITINERARIO PIAZZA DEI MIRACOLI

Facciata - Chiesa di S. Domenico (M. Baldassarri) Facciata - Chiesa di S. Domenico (M. Baldassarri)
Il convento fu fondato da Chiara Gambacorti, monaca appartenente a ricca famiglia ...
leggi tutto
Facciata verso l'Arno - Logge dei Banchi (G. Gattiglia) Facciata verso l'Arno - Logge dei Banchi (G. Gattiglia)
Costruite tra il 1603 e il 1605 per volontà del Granduca di Toscana Ferdinando I ...
leggi tutto
Palaxio nuovo - Palazzo Gambacorti (M. Febbraro) Palaxio nuovo - Palazzo Gambacorti (M. Febbraro)
Palazzo Gambacorti è il frutto di una lunga storia costruttiva iniziata alla metà ...
leggi tutto
Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro) Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro)
Palazzo Mosca è formato da vari edifici realizzati a partire dalla fine del XII ...
leggi tutto
Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons) Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)
Palazzo Blu nel Trecento apparteneva ai Dell’Agnello, importante famiglia nella ...
leggi tutto
Ponte di Mezzo (Daderot, wikimediacommons) Ponte di Mezzo (Daderot, wikimediacommons)
Il ponte, risultato della ricostruzione post-bellica (1946-1950), è lungo 89 m ed ha ...
leggi tutto
Vista dall'alto - Piazza Garibaldi (www.tabaccheria21.net) Vista dall'alto - Piazza Garibaldi (www.tabaccheria21.net)
La piazza è delimitata da edifici storici, che hanno caratterizzato la vita culturale ...
leggi tutto
Facciata, su piazza Garibaldi - Casino dei nobili (A. Sobrero) Facciata, su piazza Garibaldi - Casino dei nobili (A. Sobrero)
In lingua toscana il termine “casino” almeno dal XVI secolo stava ad indicare un ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Michele in Borgo (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di San Michele in Borgo (Lucarelli, wikimediacommons)
La chiesa e l’annesso monastero sono citati per la prima volta nel 1016 come ...
leggi tutto
Walking in the City

Chiesa di Santa Maria del Carmine

Giovanni da Milano (attrib.), particolare dell’Annunciazione, Santa Maria del Carmine (affresco staccato dal chiostro): da M. L. Ceccarelli Lemut e F. Paliaga, La chiesa di S. Maria del Carmine, Pisa, ETS, 2002

La chiesa sorge sul fondo della piazza omonima che si apre a sinistra dell’attuale corso Italia, antica via S. Gilio (o S. Egidio). Fondata dai frati carmelitani nel 1325, la chiesa con l’annesso convento subirono radicali trasformazioni tra la seconda metà del Cinquecento e il 1612, anno della riconsacrazione. Ingenti furono i danni durante la seconda guerra mondiale, come dimostra la ricostruzione del tetto a capriate in cemento a vista, realizzato nel 1965. Le forme trecentesche furono completamente nascoste, all’interno, dal riordino degli arredi deciso dal Concilio di Trento, in particolare dalla sostituzione degli antichi altari con quelli barocchi, mentre all’esterno è ancora possibile riconoscere l’originaria struttura gotica in laterizi (lato settentrionale).
Da segnalare la costruzione, a partire dal 1425, della cappella commissionata dal notaio Giuliano di Colino degli Scarsi, per la quale Masaccio realizzò la grande pala d’altare oggi smembrata tra Pisa (Museo di S. Matteo, S. Paolo), Londra (National Gallery), Berlino (Staatliche Museen), Napoli (Museo di Capodimonte) e Malibu (Paul Getty Museum).
Di rilievo anche i dipinti risalenti ai secoli successivi che adornano ancora gli altari cinquecenteschi: tra questi, la Madonna in gloria e Santi firmata da Aurelio Lomi (1590 ca.) e l’Ascensione di Cristo di Alessandro Allori (1581), rispettivamente sul primo e sul secondo altare della parete sinistra, e l’Apparizione della Vergine a S. Andrea Corsini di Francesco Curradi (1629 ca.) sull’altare nella controfacciata. Dei dipinti trecenteschi si conserva nel refettorio un frammento raffigurante l’Annunciazione. Nel chiostro si possono ancora ammirare, nelle lunette, tre affreschi primo-seicenteschi, resti di un più vasto ciclo con Storie della vita di santi carmelitani e Storie cristologiche.

Indirizzo:
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa, ETS, Pisa 2005, pp. 162-166.

M. L. Ceccarelli Lemut, F. Paliaga, La Chiesa di S. Maria del Carmine, ETS, Pisa 2002.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
LUOGHI DI CULTO
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

PIZZERIA NANDO5m

Corso Italia, 103 - Pisa
Tel.: 050 27242

OSTERIA IL CAPODAGLIO SRL27m

Via Del Carmine, 32 - Pisa
Tel.: 050 20038

ANCORA CAPODIMONTE DI SALVATORE SEMIONE77m

Via Del Carmine, 14 - Pisa
Tel.: 050 870690

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

WALKING STREET78m

Corso Italia, 58 - Pisa
Tel.: 393 0648737
E-mail: marcotrogu@hotmail.com

VILLA THERESA84m

Via della Foglia, 13 - Pisa
Tel.: 050 49159
E-mail: studioquesse@libero.it
Sito: www.villatheresa.it

DINI FIORENZA86m

Corso Italia, 59 - Pisa

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

Escher. Oltre il possibile

DAL 13 OTT 2017 AL 28 GEN 2018
Pisa, Palazzo Blu

"Corona" - mostra di Flavio Favelli

DAL 22 OTT 2017 AL 21 GEN 2018
Pisa, Chiesa di Santa Maria della Spina

Stagione di danza al Verdi

DAL 21 DIC 2017 AL 07 APR 2018
Pisa, Teatro Verdi

La mostra "Il sessantotto immagini di una stagione pisana

DAL 19 NOV 2017 AL 18 MAR 2018
Pisa, Palazzo Blu