Convento di S. Croce in Fossabanda, il chiostro interno (http://www.listaippocrate.it) photogallery Convento di S. Croce in Fossabanda, il chiostro interno (http://www.listaippocrate.it)

Il toponimo Fossabandi, ora diventato "Fossabanda", trae origine da un canale di drenaggio delle acque dell’area paludosa esistente nel medioevo nell’area nord-orientale a ridosso della città. Il fossato, attestato del 1034, prendeva il nome dal suo committente, tale Bando che lo aveva commissionato per rendere più salubre la zona. È in questo contesto che compare il complesso di S. Croce, ove nel 1238 troviamo stanziate le monache domenicane.
Nel corso del XIII secolo le Domenicane crearono un organismo piuttosto articolato, che nel 1297 era composto dalla chiesa e dall’annesso monastero. Nel corso del XIV secolo le monache di S. Croce ristrutturarono tutto il complesso affidandone l’esecuzione a Bartolomeo da Cantone, priore del convento di S. Caterina di Pisa, anche se a partire dal 1332 le Domenicane si cominciarono a trasferire nella chiesa di S. Silvestro e nelle abitazioni contigue, continuando ad utilizzare S. Croce come luogo di ritiro sino agli inizi del XV secolo.
Nel 1426 il complesso passò ai Minori Osservanti che lo ristrutturarono. Alla chiesa, sormontata in facciata da un timpano, fu addossato un portico con colonne e capitelli quattrocenteschi. Al lato meridionale della chiesa fu affiancato un chiostro, edificato in più fasi, sino a raggiungere una struttura a quadriportico, con loggiato al primo piano. Nella lunetta restano tracce di affreschi del XVI secolo.
Nella chiesa sono conservate alcune tele seicentesche, ma di notevole interesse è la grande tavola a fondo oro Madonna col Bambino e angeli musicanti dipinta dal portoghese Alvaro Pirez di Evora, attivo a Pisa nei primi decenni del XV secolo. Sotto il portico, nella chiesa e nel chiostro sono conservate numerose lapidi di epoche diverse.
Le strutture claustrali attualmente sono destinate alla ricezione alberghiera.

Testi a cura della Società storica Pisana - (D. Stiaffini)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Piazza Santa Croce in Fossabanda, 1-12, 56124 Pisa
Itinerari collegati: Lungarni
Bibliografia:

D. Stiaffini, S. Pagnin, S. Croce in Fossabanda, ETS, Pisa 2004.

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 189-192.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Piazza Carrara (APT di Pisa) Piazza Carrara (APT di Pisa)
Già Piazza S. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfreducci detto ‘Alla Giornata’ (Harlock81, wikimediacommons) Facciata - Palazzo Lanfreducci detto ‘Alla Giornata’ (Harlock81, wikimediacommons)
Il palazzo fu costruito per volere del cavaliere di Malta Fra Francesco Lanfreducci ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di S. Maria dei Galletti (www.lakinzica.it) Facciata - Chiesa di S. Maria dei Galletti (www.lakinzica.it)
La chiesa sorge nell’area dove era la chiesa di S. ...
leggi tutto
Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net) Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net)
La piazza nelle forme attuali fu realizzata all’epoca di Cosimo I de Medici sotto la ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro) Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro)
Nel luogo della romanica chiesa di S. Pietro in Vinculis (detta S. ...
leggi tutto
Palazzo Toscanelli (M. Zampetti) Palazzo Toscanelli (M. Zampetti)
Il primo ad acquistare l’antico edificio fu Bartolomeo Lanfranchi nel 1505. ...
leggi tutto
Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti) Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti)
L’edificio che si affaccia sul Lungarno Mediceo deriva dallo sviluppo volumetrico di ...
leggi tutto
Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it) Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it)
Il museo ha sede negli ambienti dell'antico monastero femminile di S. ...
leggi tutto
Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini) Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini)
La chiesa e l’annesso monastero, appartenenti alle monache benedettine, furono ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons)
La chiesa fu fondata intorno al 1118 dai monaci benedettini di Montecassino. ...
leggi tutto
Walking in the City

Chiesa di Santa Croce in Fossabanda

Convento di S. Croce in Fossabanda, il chiostro interno (http://www.listaippocrate.it)

Il toponimo Fossabandi, ora diventato "Fossabanda", trae origine da un canale di drenaggio delle acque dell’area paludosa esistente nel medioevo nell’area nord-orientale a ridosso della città. Il fossato, attestato del 1034, prendeva il nome dal suo committente, tale Bando che lo aveva commissionato per rendere più salubre la zona. È in questo contesto che compare il complesso di S. Croce, ove nel 1238 troviamo stanziate le monache domenicane.
Nel corso del XIII secolo le Domenicane crearono un organismo piuttosto articolato, che nel 1297 era composto dalla chiesa e dall’annesso monastero. Nel corso del XIV secolo le monache di S. Croce ristrutturarono tutto il complesso affidandone l’esecuzione a Bartolomeo da Cantone, priore del convento di S. Caterina di Pisa, anche se a partire dal 1332 le Domenicane si cominciarono a trasferire nella chiesa di S. Silvestro e nelle abitazioni contigue, continuando ad utilizzare S. Croce come luogo di ritiro sino agli inizi del XV secolo.
Nel 1426 il complesso passò ai Minori Osservanti che lo ristrutturarono. Alla chiesa, sormontata in facciata da un timpano, fu addossato un portico con colonne e capitelli quattrocenteschi. Al lato meridionale della chiesa fu affiancato un chiostro, edificato in più fasi, sino a raggiungere una struttura a quadriportico, con loggiato al primo piano. Nella lunetta restano tracce di affreschi del XVI secolo.
Nella chiesa sono conservate alcune tele seicentesche, ma di notevole interesse è la grande tavola a fondo oro Madonna col Bambino e angeli musicanti dipinta dal portoghese Alvaro Pirez di Evora, attivo a Pisa nei primi decenni del XV secolo. Sotto il portico, nella chiesa e nel chiostro sono conservate numerose lapidi di epoche diverse.
Le strutture claustrali attualmente sono destinate alla ricezione alberghiera.

Indirizzo:
Bibliografia:

D. Stiaffini, S. Pagnin, S. Croce in Fossabanda, ETS, Pisa 2004.

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 189-192.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
LUOGHI DI CULTO
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

PIZZERIA ANTICO RISTORO169m

Via Silvio Luschi, 2 - Pisa
Tel.: 393 0866290,050 542592

NI HAO - CIAO299m

Via Borghetto, 5 - Pisa
Tel.: 050 574734

RISTORANTE PIZZERIA BELLA NAPOLI299m

Via Borghetto, 44 - Pisa
Tel.: 050 578520

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

SANTA CROCE IN FOSSABANDA76m

Piazza Santa Croce, 11 - Pisa
Tel.: 050 970911
E-mail: info@fossabanda.it
Sito: www.fossabanda.it

LA BICOCCA132m

Via Silvio Luschi, 14 - Pisa
Tel.: 335 6678867
E-mail: labicocca.pisa@gmail.com

PENSIONATO UNIVERSITARIO LANTERI153m

Via San Michele degli Scalzi, 50 - Pisa
Tel.: 050 31281
E-mail: direttore@istitutolanteri.it
Sito: www.istitutolanteri.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

EXPLORE SULLA LUNA E OLTRE

DAL 29 MAR AL 21 LUG 2019
Pisa, Palazzo Blu

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

I colori della prosperità: frutti del vecchio e nuovo mondo

DAL 04 GIU AL 30 GIU 2019
Pisa, Museo della Grafica