Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons) photogallery Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons)

La chiesa fu fondata intorno al 1118 dai monaci benedettini di Montecassino che ne tennero il possesso fino al 1270, quando divenne prioria. Nel 1331 passò alle monache domenicane che nel 1336 occuparono una parte della chiesa per svolgervi le loro funzioni.
La facciata, di gusto rococò, fu realizzata nel 1770-72 da Giuseppe Vaccà, su disegno di Antonio Francesco Quarantotti; alle estremità del secondo ordine vi sono due statue raffiguranti S. Domenico e S. Silvestro coeve alla facciata. Invece l’architrave romanica con Storie di Costantino e papa Silvestro che si trovava sul portale centrale della facciata oggi si conserva presso il Museo di S. Matteo.
L’abside, ancora nel suo aspetto medievale, è formata da arcate cieche e archetti pensili, ed accoglieva bacini ceramici del XII secolo ora sostituiti da copie (gli originali si trovano sempre nel Museo di S. Matteo).
Sul fianco sinistro si innalza il campanile in laterizi di forma quadrangolare con cella campanaria aperta da bifore.
Nel 1782 il monastero divenne un Conservatorio per fanciulle nobili. Nell’Ottocento venne affidato prima all’ordine di S. Francesco di Sales, poi al Ministero dell’Interno che lo destinò a vari usi (carcere, casa dello studente, laboratorio di restauro). All’interno, il soffitto ligneo intagliato e dorato risale al Seicento e reca nove tele dipinte da Aurelio Lomi, raffiguranti, al centro, la Resurrezione e negli scomparti i Quattro Evangelisti, S. Caterina davanti al tiranno, Papa Silvestro che incorona l’imperatore Costantino, i SS. Domenico, Pietro e Paolo, l’Adorazione dei Magi. Dalla chiesa provengono alcuni dipinti medievali pervenuti in musei italiani e stranieri, tra cui il celebre dossale con Santa Caterina e storie (Museo di S. Matteo) che secondo la leggenda apparve nel 1235 sulle acque dell’Arno e fu recuperato dal priore di S. Silvestro.

Testi a cura della Società storica Pisana - (C. Balbarini)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Piazza San Silvestro, 11, 56124 Pisa
Itinerari collegati: Lungarni
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 76-78.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Piazza Carrara (APT di Pisa) Piazza Carrara (APT di Pisa)
Già Piazza S. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfreducci detto ‘Alla Giornata’ (Harlock81, wikimediacommons) Facciata - Palazzo Lanfreducci detto ‘Alla Giornata’ (Harlock81, wikimediacommons)
Il palazzo fu costruito per volere del cavaliere di Malta Fra Francesco Lanfreducci ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di S. Maria dei Galletti (www.lakinzica.it) Facciata - Chiesa di S. Maria dei Galletti (www.lakinzica.it)
La chiesa sorge nell’area dove era la chiesa di S. ...
leggi tutto
Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net) Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net)
La piazza nelle forme attuali fu realizzata all’epoca di Cosimo I de Medici sotto la ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro) Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro)
Nel luogo della romanica chiesa di S. Pietro in Vinculis (detta S. ...
leggi tutto
Palazzo Toscanelli (M. Zampetti) Palazzo Toscanelli (M. Zampetti)
Il primo ad acquistare l’antico edificio fu Bartolomeo Lanfranchi nel 1505. ...
leggi tutto
Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti) Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti)
L’edificio che si affaccia sul Lungarno Mediceo deriva dallo sviluppo volumetrico di ...
leggi tutto
Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it) Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it)
Il museo ha sede negli ambienti dell'antico monastero femminile di S. ...
leggi tutto
Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini) Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini)
La chiesa e l’annesso monastero, appartenenti alle monache benedettine, furono ...
leggi tutto
Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin) Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)
La chiesa di S. Michele si trova nell’area orientale della città. ...
leggi tutto
Walking in the City

Chiesa di San Silvestro

Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons)

La chiesa fu fondata intorno al 1118 dai monaci benedettini di Montecassino che ne tennero il possesso fino al 1270, quando divenne prioria. Nel 1331 passò alle monache domenicane che nel 1336 occuparono una parte della chiesa per svolgervi le loro funzioni.
La facciata, di gusto rococò, fu realizzata nel 1770-72 da Giuseppe Vaccà, su disegno di Antonio Francesco Quarantotti; alle estremità del secondo ordine vi sono due statue raffiguranti S. Domenico e S. Silvestro coeve alla facciata. Invece l’architrave romanica con Storie di Costantino e papa Silvestro che si trovava sul portale centrale della facciata oggi si conserva presso il Museo di S. Matteo.
L’abside, ancora nel suo aspetto medievale, è formata da arcate cieche e archetti pensili, ed accoglieva bacini ceramici del XII secolo ora sostituiti da copie (gli originali si trovano sempre nel Museo di S. Matteo).
Sul fianco sinistro si innalza il campanile in laterizi di forma quadrangolare con cella campanaria aperta da bifore.
Nel 1782 il monastero divenne un Conservatorio per fanciulle nobili. Nell’Ottocento venne affidato prima all’ordine di S. Francesco di Sales, poi al Ministero dell’Interno che lo destinò a vari usi (carcere, casa dello studente, laboratorio di restauro). All’interno, il soffitto ligneo intagliato e dorato risale al Seicento e reca nove tele dipinte da Aurelio Lomi, raffiguranti, al centro, la Resurrezione e negli scomparti i Quattro Evangelisti, S. Caterina davanti al tiranno, Papa Silvestro che incorona l’imperatore Costantino, i SS. Domenico, Pietro e Paolo, l’Adorazione dei Magi. Dalla chiesa provengono alcuni dipinti medievali pervenuti in musei italiani e stranieri, tra cui il celebre dossale con Santa Caterina e storie (Museo di S. Matteo) che secondo la leggenda apparve nel 1235 sulle acque dell’Arno e fu recuperato dal priore di S. Silvestro.

Indirizzo:
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 76-78.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
LUOGHI DI CULTO
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

PIZZERIA DA LARA DI QUAGLIERINI LARA70m

Via Garibaldi Giuseppe, 18 - Pisa
Tel.: 050 540241

PIZZAMANIA PANUOZZO MANIA190m

Via Del Borghetto, 14 - Pisa
Tel.: 050 9711765

LA TAVERNA DEGLI AMICI247m

Via Del Borghetto, 39 - Pisa
Tel.: 050 571467

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

ON THE RIVER107m

Lungarno Bruno Buozzi, 2 - Pisa
Tel.: 329 2018893 - 327 12
E-mail: bbontheriver@gmail.com
Sito: www.bbontheriver.it

B & B SAN MICHELE333m

Via Cosimo Ridolfi, 24 - Pisa
Tel.: 050 570267
E-mail: info@bedandbreakfastsanmichele.com
Sito: www.bedandbreakfastsanmichele.com

RESIDENCE DOMUS335m

Via La Tinta, 11-13 - Pisa
Tel.: 050 2201404 - 412 -
E-mail: info@residencedomus.it
Sito: www.residencedomus.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

In questi giorni in cui dobbiamo tutti mostrare senso di responsabilità per l'emergenza coronavirus, non è possibile spostarsi, viaggiare e visitare i luoghi. In base alle recenti disposizioni per il contenimento dell'epidemia di COVID-19, sono stati chiusi musei, luoghi di culto, cinema, teatri, ristoranti, bar e qualsiasi altro luogo di aggregazione.

Pisa è una città amata e conosciuta in tutto il mondo, attraverso questo sito sarà possibile continuare a conoscerla virtualmente, approfondire la sua storia, i monumenti, i musei, gli angoli più nascosti in attesa di ricominciare a viaggiare e di poterci incontrare nuovamente per godere assieme la sua bellezza.

Sotto alcuni link per scoprire insieme la città pur restando a casa:

Per qualsiasi approfondimento in merito alla situazione in Toscana, intesa come destinazione turistica, consigliamo di consultare il seguente link, costantemente aggiornato: https://bit.ly/2IyE3VC"