Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174) photogallery Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174)

L’edificio, illuminato da monofore e costruito in pietra locale, ha pianta ottagonale e copertura piramidale posta su un tamburo centrale rialzato.
La chiesa, attestata a partire dal 1138, come edificio annesso all’insediamento degli Ospitalieri di S. Giovanni di Gerusalemme, presenti a Pisa dal 1113, passò poi sotto il controllo dei Cavalieri dell’Ordine di Malta fino al 1817, data della loro soppressione, quando la chiesa venne trasferita sotto il Regio Patronato.
Un’iscrizione alla base del campanile ne imputa l’edificazione a Diotisalvi, già architetto del Battistero, ma i restauri del 1970 hanno messo in luce un precedente edificio ottagonale sul quale si impostano gli otto pilastri del tempio. Nel XVI secolo la chiesa, alla quale già si addossavano nuovi corpi di fabbrica, fu dotata di un portico in arenaria.
Decorata da stucchi alla fine del XVIII secolo, finì per essere chiusa per inagibilità nel 1848 e riconsacrata nel 1876 in seguito a un profondo restauro a cura di Rodolfo Castinelli, che portò al ripristino del piano originario e alla demolizione del portico, cui si aggiunse il rifacimento della piazza da parte di Pietro Bellini, autore della balaustra metallica esterna.
Al XII secolo risalgono la mensola scolpita con testa virile e le ghiere decorate con elementi fitomorfi e teste leonine presenti sul portale settentrionale; del 1859 è invece il busto raffigurante Diotisalvi posto sulla porta occidentale.
All’interno si conserva la lapide sepolcrale di Maria Mancini Colonna, nipote del cardinale Mazzarino, oltre al pozzo con il secchio che la leggenda vuole sia servito, nel XII secolo, a Santa Ubaldesca per le cure dei pellegrini ricoverati nel vicino ospedale.

Testi a cura della Società storica Pisana - (F. Anichini)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Piazza Santo Sepolcro, 5, 56125 Pisa
Itinerari collegati: San Martino Lungarni
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 172-175.
R. Ciuti, B. Leoni, Pisa nell’Ottocento – le trasformazioni della città tra Granducato e Stato unitario, Felici Editore, Pisa 2010, pp. 117-120.

NELLO STESSO ITINERARIO SAN MARTINO

Piazza Chiara Gambacorti (Lucarelli, wikimediacommons) Piazza Chiara Gambacorti (Lucarelli, wikimediacommons)
Nel 2004 la piazza è stata oggetto di uno scavo archeologico che ha permesso di ...
leggi tutto
Lunetta sopra la porta di accesso - Ex Teatro Redini (M. Baldassarri) Lunetta sopra la porta di accesso - Ex Teatro Redini (M. Baldassarri)
Inaugurato nell’autunno del 1901, il teatro prende il nome dal suo fondatore, ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Salviati (www.pisaoggi.it/Guida-di-Pisa/Palazzi) Facciata - Palazzo Salviati (www.pisaoggi.it/Guida-di-Pisa/Palazzi)
Il palazzo aggrega strutture medievali le cui tracce sono ben visibili nel fianco ...
leggi tutto
Nino Pisano (attrib.), Madonna in trono col Bambino detta Madonna dei Vetturini, Museo Nazionale di San Matteo: da Pisa nei secoli. L’arte, la storia, la tradizione, 2, a cura di A. Zampieri, Pisa, ETS, 2003, p. 134, fig. 56 Nino Pisano (attrib.), Madonna in trono col Bambino detta Madonna dei Vetturini, Museo Nazionale di San Matteo: da Pisa nei secoli. L’arte, la storia, la tradizione, 2, a cura di A. Zampieri, Pisa, ETS, 2003, p. 134, fig. 56
Risale alla fine del Cinquecento il trasferimento dalla chiesa di S. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia) Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)
Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia ...
leggi tutto
 
Walking in the City

Chiesa di San Sepolcro

Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174)

L’edificio, illuminato da monofore e costruito in pietra locale, ha pianta ottagonale e copertura piramidale posta su un tamburo centrale rialzato.
La chiesa, attestata a partire dal 1138, come edificio annesso all’insediamento degli Ospitalieri di S. Giovanni di Gerusalemme, presenti a Pisa dal 1113, passò poi sotto il controllo dei Cavalieri dell’Ordine di Malta fino al 1817, data della loro soppressione, quando la chiesa venne trasferita sotto il Regio Patronato.
Un’iscrizione alla base del campanile ne imputa l’edificazione a Diotisalvi, già architetto del Battistero, ma i restauri del 1970 hanno messo in luce un precedente edificio ottagonale sul quale si impostano gli otto pilastri del tempio. Nel XVI secolo la chiesa, alla quale già si addossavano nuovi corpi di fabbrica, fu dotata di un portico in arenaria.
Decorata da stucchi alla fine del XVIII secolo, finì per essere chiusa per inagibilità nel 1848 e riconsacrata nel 1876 in seguito a un profondo restauro a cura di Rodolfo Castinelli, che portò al ripristino del piano originario e alla demolizione del portico, cui si aggiunse il rifacimento della piazza da parte di Pietro Bellini, autore della balaustra metallica esterna.
Al XII secolo risalgono la mensola scolpita con testa virile e le ghiere decorate con elementi fitomorfi e teste leonine presenti sul portale settentrionale; del 1859 è invece il busto raffigurante Diotisalvi posto sulla porta occidentale.
All’interno si conserva la lapide sepolcrale di Maria Mancini Colonna, nipote del cardinale Mazzarino, oltre al pozzo con il secchio che la leggenda vuole sia servito, nel XII secolo, a Santa Ubaldesca per le cure dei pellegrini ricoverati nel vicino ospedale.

Indirizzo:
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 172-175.
R. Ciuti, B. Leoni, Pisa nell’Ottocento – le trasformazioni della città tra Granducato e Stato unitario, Felici Editore, Pisa 2010, pp. 117-120.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
LUOGHI DI CULTO
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

NUMERO UNDICI DI GRIFFA MARCO69m

Via S. Martino, 47 - Pisa
Tel.: 050 27282

AL-MADINA71m

Via S. Martino, 41/45 - Pisa
Tel.: 050 20409

RISTORANTE OSTERIA L'ARTILAFO88m

V. S. Martino, 33 - Pisa
Tel.: 050 27010

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

CASA PER FERIE PADRE AGOSTINO129m

Via San Bernardo, 25 - Pisa
Tel.: 050 502245
E-mail: casaperferie@suorefigliedinazareth.it
Sito: www.istitutosuorefigliedinazareth.it

LA DIMORA133m

Via San Bernardo, 22 - Pisa
Tel.: 342 0556811
E-mail: ladimora2012@gmail.com

ALICE FERRISI C204m

Piazza Vittorio Emanuele II, n° 23, int. C - Pisa
Tel.: 338 7914208
E-mail: ferrisialice@gmail.com

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

Mostra "Gipi. Storie d'artista" a Palazzo Blu

DAL 30 LUG AL 13 OTT 2019
Pisa, Palazzo Blu

"Archetipi spirituali" di Anna Chromy

DAL 20 SET AL 10 NOV 2019
Pisa, centro città

Bright 2019 - la notte dei ricercatori

IL 27 SET 2019
Pisa, centro città