Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin) photogallery Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)

La chiesa di S. Michele è ricordata a partire dal 1025, ma è tra il 1152 e il 1171 che venne riedificata con annesso il monastero che ospitò i benedettini Pulsanesi (definiti anche “scalzi”, da cui la denominazione). Tra il Quattrocento e il Settecento il complesso passò prima alle monache Brigidine, poi ai canonici Agostiniani e infine ai monaci Olivetani. La chiesa fu fortemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale e dall’alluvione del 1949, tanto che se ne dovette ricostruire la copertura e il lato destro.
La facciata è spartita da tre ingressi ed è divisa in due ordini: la parte inferiore ha un paramento marmoreo con cinque arcate cieche, sostenute da colonne con capitelli corinzi, all’interno delle quali sono alternati rosoni e losanghe. Nel portale si vedono un Cristo benedicente (originale al Museo di S. Matteo) e le Gerarchie angeliche di inizio Duecento. L’ordine superiore è invece in laterizio e presenta un rosone centrale, frutto di interventi seicenteschi.
Il campanile ha pianta quadrangolare ed è fortemente inclinato per un antico cedimento del terreno. Ha un ordine inferiore con muratura in pietra e uno superiore in laterizio, nel quale si aprono monofore, bifore e trifore. Inoltre, come l’abside, è arricchito dall’inserimento di bacini ceramici (XII-XIII secolo), locali e di importazione mediterranea.
La pianta dell’edificio è a tre navate: quella centrale è formata da due colonnati con capitelli romanici databili all’XI secolo, probabilmente relativi alla chiesa originale. Sulla parete dell’abside è possibile ammirare una croce dipinta di scuola pisano-bizantina della metà del XIII secolo.
Sul lato sinistro è il chiostro del monastero, con duplice ordine di colonne e volte a crociera. Parte di queste strutture alla fine dell’Ottocento furono incluse nella fabbrica di ceramica Richard Ginori, della quale oggi sopravvive solo una grande ciminiera. L’ex monastero, oggi restaurato, è sede del polo culturale SMS.

Testi a cura della Società storica Pisana - (A. Alberti)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Via San Michele degli Scalzi, 163-167, Pisa
Itinerari collegati: Lungarni
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 215-217.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Torre della Cittadella - Cittadella Vecchia (G. Gattiglia) Torre della Cittadella - Cittadella Vecchia (G. Gattiglia)
La zona degli arsenali repubblicani si sviluppò nel corso del XIII secolo come area ...
leggi tutto
Eleonora di Toledo e il figlio Francesco, Bronzino, 1549 circa - Museo Nazionale di Palazzo Reale (D. Tarantino) Eleonora di Toledo e il figlio Francesco, Bronzino, 1549 circa - Museo Nazionale di Palazzo Reale (D. Tarantino)
L’attuale aspetto di Palazzo Reale è frutto degli interventi di ripristino ...
leggi tutto
Piazza Carrara (APT di Pisa) Piazza Carrara (APT di Pisa)
Già Piazza S. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfreducci detto ‘Alla Giornata’ (Harlock81, wikimediacommons) Facciata - Palazzo Lanfreducci detto ‘Alla Giornata’ (Harlock81, wikimediacommons)
Il palazzo fu costruito per volere del cavaliere di Malta Fra Francesco Lanfreducci ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di S. Maria dei Galletti (www.lakinzica.it) Facciata - Chiesa di S. Maria dei Galletti (www.lakinzica.it)
La chiesa sorge nell’area dove era la chiesa di S. ...
leggi tutto
Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net) Scorcio - Piazza Cairoli, o della Berlina (www.toscana4u.net)
La piazza nelle forme attuali fu realizzata all’epoca di Cosimo I de Medici sotto la ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro) Facciata - Chiesa di San Pietro in Vincoli (P. Fisicaro)
Nel luogo della romanica chiesa di S. Pietro in Vinculis (detta S. ...
leggi tutto
Palazzo Toscanelli (M. Zampetti) Palazzo Toscanelli (M. Zampetti)
Il primo ad acquistare l’antico edificio fu Bartolomeo Lanfranchi nel 1505. ...
leggi tutto
Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti) Ristrutturazione neo gotica - Palazzo Vecchio de’ Medici, Prefettura (M. Zampetti)
L’edificio che si affaccia sul Lungarno Mediceo deriva dallo sviluppo volumetrico di ...
leggi tutto
Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it) Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it)
Il museo ha sede negli ambienti dell'antico monastero femminile di S. ...
leggi tutto
Walking in the City

Chiesa di San Michele degli Scalzi

Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)

La chiesa di S. Michele è ricordata a partire dal 1025, ma è tra il 1152 e il 1171 che venne riedificata con annesso il monastero che ospitò i benedettini Pulsanesi (definiti anche “scalzi”, da cui la denominazione). Tra il Quattrocento e il Settecento il complesso passò prima alle monache Brigidine, poi ai canonici Agostiniani e infine ai monaci Olivetani. La chiesa fu fortemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale e dall’alluvione del 1949, tanto che se ne dovette ricostruire la copertura e il lato destro.
La facciata è spartita da tre ingressi ed è divisa in due ordini: la parte inferiore ha un paramento marmoreo con cinque arcate cieche, sostenute da colonne con capitelli corinzi, all’interno delle quali sono alternati rosoni e losanghe. Nel portale si vedono un Cristo benedicente (originale al Museo di S. Matteo) e le Gerarchie angeliche di inizio Duecento. L’ordine superiore è invece in laterizio e presenta un rosone centrale, frutto di interventi seicenteschi.
Il campanile ha pianta quadrangolare ed è fortemente inclinato per un antico cedimento del terreno. Ha un ordine inferiore con muratura in pietra e uno superiore in laterizio, nel quale si aprono monofore, bifore e trifore. Inoltre, come l’abside, è arricchito dall’inserimento di bacini ceramici (XII-XIII secolo), locali e di importazione mediterranea.
La pianta dell’edificio è a tre navate: quella centrale è formata da due colonnati con capitelli romanici databili all’XI secolo, probabilmente relativi alla chiesa originale. Sulla parete dell’abside è possibile ammirare una croce dipinta di scuola pisano-bizantina della metà del XIII secolo.
Sul lato sinistro è il chiostro del monastero, con duplice ordine di colonne e volte a crociera. Parte di queste strutture alla fine dell’Ottocento furono incluse nella fabbrica di ceramica Richard Ginori, della quale oggi sopravvive solo una grande ciminiera. L’ex monastero, oggi restaurato, è sede del polo culturale SMS.

Indirizzo:
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 215-217.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
LUOGHI DI CULTO
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

C.S.R. FOOD SAS114m

Via Cuppari Pietro, 20 - Pisa
Tel.: 050 9910478

PIZZERIA LA MANGIATOIA114m

V. Cuppari, 20/A - Pisa
Tel.: 050 542689

PIZZERIA LE NINFE148m

Viale Delle Piagge, 17 - Pisa
Tel.: 050 544636,050 544336

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

PENSIONATO UNIVERSITARIO FIGLIE DI SAN GIUSEPPE291m

Via Pietro Cuppari, 22 - Pisa - Pisa
Tel.: 050 570273
E-mail: casapadrefprinetti@libero.it

L\'OLIVO DELLE PIAGGE364m

Via di Vietta, 10-12 - Porta a Piagge - Pisa
Tel.: 050 961210
E-mail: info@olivodellepiagge.it
Sito: www.olivodellepiagge.it

REPUBBLICA MARINARA535m

Via Carlo Matteucci, angolo Via Romboli - Pisa
Tel.: 050 3870100
E-mail: info@hotelrm.it
Sito: hotelrepubblicamarinara.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

In questi giorni in cui dobbiamo tutti mostrare senso di responsabilità per l'emergenza coronavirus, non è possibile spostarsi, viaggiare e visitare i luoghi. In base alle recenti disposizioni per il contenimento dell'epidemia di COVID-19, sono stati chiusi musei, luoghi di culto, cinema, teatri, ristoranti, bar e qualsiasi altro luogo di aggregazione.

Pisa è una città amata e conosciuta in tutto il mondo, attraverso questo sito sarà possibile continuare a conoscerla virtualmente, approfondire la sua storia, i monumenti, i musei, gli angoli più nascosti in attesa di ricominciare a viaggiare e di poterci incontrare nuovamente per godere assieme la sua bellezza.

Sotto alcuni link per scoprire insieme la città pur restando a casa:

Per qualsiasi approfondimento in merito alla situazione in Toscana, intesa come destinazione turistica, consigliamo di consultare il seguente link, costantemente aggiornato: https://bit.ly/2IyE3VC"