Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin) photogallery Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)

La chiesa di S. Michele è ricordata a partire dal 1025, ma è tra il 1152 e il 1171 che venne riedificata con annesso il monastero che ospitò i benedettini Pulsanesi (definiti anche “scalzi”, da cui la denominazione). Tra il Quattrocento e il Settecento il complesso passò prima alle monache Brigidine, poi ai canonici Agostiniani e infine ai monaci Olivetani. La chiesa fu fortemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale e dall’alluvione del 1949, tanto che se ne dovette ricostruire la copertura e il lato destro.
La facciata è spartita da tre ingressi ed è divisa in due ordini: la parte inferiore ha un paramento marmoreo con cinque arcate cieche, sostenute da colonne con capitelli corinzi, all’interno delle quali sono alternati rosoni e losanghe. Nel portale si vedono un Cristo benedicente (originale al Museo di S. Matteo) e le Gerarchie angeliche di inizio Duecento. L’ordine superiore è invece in laterizio e presenta un rosone centrale, frutto di interventi seicenteschi.
Il campanile ha pianta quadrangolare ed è fortemente inclinato per un antico cedimento del terreno. Ha un ordine inferiore con muratura in pietra e uno superiore in laterizio, nel quale si aprono monofore, bifore e trifore. Inoltre, come l’abside, è arricchito dall’inserimento di bacini ceramici (XII-XIII secolo), locali e di importazione mediterranea.
La pianta dell’edificio è a tre navate: quella centrale è formata da due colonnati con capitelli romanici databili all’XI secolo, probabilmente relativi alla chiesa originale. Sulla parete dell’abside è possibile ammirare una croce dipinta di scuola pisano-bizantina della metà del XIII secolo.
Sul lato sinistro è il chiostro del monastero, con duplice ordine di colonne e volte a crociera. Parte di queste strutture alla fine dell’Ottocento furono incluse nella fabbrica di ceramica Richard Ginori, della quale oggi sopravvive solo una grande ciminiera. L’ex monastero, oggi restaurato, è sede del polo culturale SMS.

Testi a cura della Società storica Pisana - (A. Alberti)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Via San Michele degli Scalzi, 163-167, Pisa
Itinerari collegati: Lungarni
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 215-217.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons) Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons)
Realizzato nell’area dell’ex stabilimento Richard Ginori e recuperando l’ex monastero ...
leggi tutto
Giardino Scotto (F. Anichini) Giardino Scotto (F. Anichini)
Le fonti archeologiche attestano l’area già insediata in epoca romana. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia) Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)
Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia ...
leggi tutto
Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174) Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174)
L’edificio, illuminato da monofore e costruito in pietra locale, ha pianta ottagonale ...
leggi tutto
Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia) Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia)
L’opera di rinnovamento edilizio che prevedeva il superamento dell’aspetto medievale ...
leggi tutto
Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro) Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro)
Palazzo Mosca è formato da vari edifici realizzati a partire dalla fine del XII ...
leggi tutto
Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons) Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)
Palazzo Blu nel Trecento apparteneva ai Dell’Agnello, importante famiglia nella ...
leggi tutto
Esterno - Chiesa di Santa Maria della Spina (M. Baldassarri) Esterno - Chiesa di Santa Maria della Spina (M. Baldassarri)
La chiesa assunse la denominazione attuale in seguito alla donazione della Spina ...
leggi tutto
Facciata - Ex Monastero delle Benedettine (F. Anichini) Facciata - Ex Monastero delle Benedettine (F. Anichini)
Il complesso, costituito da chiesa e monastero, fu edificato per le monache ...
leggi tutto
Walking in the City

Chiesa di San Michele degli Scalzi

Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)

La chiesa di S. Michele è ricordata a partire dal 1025, ma è tra il 1152 e il 1171 che venne riedificata con annesso il monastero che ospitò i benedettini Pulsanesi (definiti anche “scalzi”, da cui la denominazione). Tra il Quattrocento e il Settecento il complesso passò prima alle monache Brigidine, poi ai canonici Agostiniani e infine ai monaci Olivetani. La chiesa fu fortemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale e dall’alluvione del 1949, tanto che se ne dovette ricostruire la copertura e il lato destro.
La facciata è spartita da tre ingressi ed è divisa in due ordini: la parte inferiore ha un paramento marmoreo con cinque arcate cieche, sostenute da colonne con capitelli corinzi, all’interno delle quali sono alternati rosoni e losanghe. Nel portale si vedono un Cristo benedicente (originale al Museo di S. Matteo) e le Gerarchie angeliche di inizio Duecento. L’ordine superiore è invece in laterizio e presenta un rosone centrale, frutto di interventi seicenteschi.
Il campanile ha pianta quadrangolare ed è fortemente inclinato per un antico cedimento del terreno. Ha un ordine inferiore con muratura in pietra e uno superiore in laterizio, nel quale si aprono monofore, bifore e trifore. Inoltre, come l’abside, è arricchito dall’inserimento di bacini ceramici (XII-XIII secolo), locali e di importazione mediterranea.
La pianta dell’edificio è a tre navate: quella centrale è formata da due colonnati con capitelli romanici databili all’XI secolo, probabilmente relativi alla chiesa originale. Sulla parete dell’abside è possibile ammirare una croce dipinta di scuola pisano-bizantina della metà del XIII secolo.
Sul lato sinistro è il chiostro del monastero, con duplice ordine di colonne e volte a crociera. Parte di queste strutture alla fine dell’Ottocento furono incluse nella fabbrica di ceramica Richard Ginori, della quale oggi sopravvive solo una grande ciminiera. L’ex monastero, oggi restaurato, è sede del polo culturale SMS.

Indirizzo:
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 215-217.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
LUOGHI DI CULTO
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

C.S.R. FOOD SAS114m

Via Cuppari Pietro, 20 - Pisa
Tel.: 050 9910478

PIZZERIA LA MANGIATOIA114m

V. Cuppari, 20/A - Pisa
Tel.: 050 542689

PIZZERIA LE NINFE148m

Viale Delle Piagge, 17 - Pisa
Tel.: 050 544636,050 544336

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

PENSIONATO UNIVERSITARIO FIGLIE DI SAN GIUSEPPE291m

Via Pietro Cuppari, 22 - Pisa - Pisa
Tel.: 050 570273
E-mail: casapadrefprinetti@libero.it

L\'OLIVO DELLE PIAGGE364m

Via di Vietta, 10-12 - Porta a Piagge - Pisa
Tel.: 050 961210
E-mail: info@olivodellepiagge.it
Sito: www.olivodellepiagge.it

REPUBBLICA MARINARA535m

Via Carlo Matteucci, angolo Via Romboli - Pisa
Tel.: 050 3870100
E-mail: info@hotelrm.it
Sito: hotelrepubblicamarinara.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

Mostra "Gipi. Storie d'artista" a Palazzo Blu

DAL 30 LUG AL 13 OTT 2019
Pisa, Palazzo Blu

"Archetipi spirituali" di Anna Chromy

DAL 20 SET AL 10 NOV 2019
Pisa, centro città

Bright 2019 - la notte dei ricercatori

IL 27 SET 2019
Pisa, centro città