Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini) photogallery Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini)

La chiesa e l’annesso monastero, appartenenti alle monache benedettine, furono costruiti sulle fondamenta di un precedente tempio a partire dal 1027 circa. La chiesa fu ampliata nel secolo successivo, ma venne poi parzialmente demolita intorno al 1350. Avendo subito i danni di un incendio nel 1607, fu ristrutturata e ridotta nella sua originaria lunghezza, con la divisione dello spazio riservato alle monache da quello destinato ai fedeli.
All’inizio del Settecento la decorazione e gli arredi della chiesa furono completamente rinnovati. Gli interventi decorativi maggiori si devono ai fratelli Melani: la volta affrescata con la Gloria di S. Matteo, le finte statue a monocromo nella controfacciata, gli ovali dipinti ai lati dell’altare maggiore raffiguranti la Morte di S. Benedetto e l’Estasi di S. Benedetto. Con le soppressioni degli ordini religiosi, S. Matteo divenne parrocchia.
Il complesso monastico nel corso dei secoli ha subito i danni delle continue alluvioni dell’Arno, ai quali si sono aggiunti i guasti dell’ultimo conflitto mondiale (è andata distrutta la volta affrescata della chiesa delle monache).
Grazie agli scavi condotti nel 1947 è stato possibile rintracciare i resti delle absidi della chiesa originaria a circa due metri sotto il livello attuale. Anche all’esterno, nel lato destro, nel corpo absidale e nel campanile, si riconoscono le forme romaniche; passando attraverso il Museo di S. Matteo si può inoltre accedere al chiostro medievale, rimaneggiato nel XVI secolo ed oggi incorporato nelle strutture museali.
Degli arredi antichi non più in loco si deve ricordare la monumentale croce con il Christus patiens datata all’inizio del Duecento, ora conservata nel Museo di S. Matteo. Nel primo altare della parete sinistra è invece ancora collocato un crocefisso del XIII secolo, la cui testa è peraltro ridipinta.

Testi a cura della Società storica Pisana - (C. Balbarini)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Lungarno Mediceo, 4-6, 56125 Pisa
Itinerari collegati: Lungarni
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 63-65.

NELLO STESSO ITINERARIO LUNGARNI

Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it) Museo Nazionale di S. Matteo, il chiostro interno (http://www.pabaac.beniculturali.it)
Il museo ha sede negli ambienti dell'antico monastero femminile di S. ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons) Facciata - Chiesa di S. Silvestro (Lucarelli, wikimediacommons)
La chiesa fu fondata intorno al 1118 dai monaci benedettini di Montecassino. ...
leggi tutto
Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin) Abside e campanile - Chiesa di San Michele degli Scalzi (S. Manfrin)
La chiesa di S. Michele si trova nell’area orientale della città. ...
leggi tutto
Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons) Struttura - SMS, Centro Espositivo San Michele degli Scalzi (Gnoix, wikimediacommons)
Realizzato nell’area dell’ex stabilimento Richard Ginori e recuperando l’ex monastero ...
leggi tutto
Giardino Scotto (F. Anichini) Giardino Scotto (F. Anichini)
Le fonti archeologiche attestano l’area già insediata in epoca romana. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia) Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)
Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia ...
leggi tutto
Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174) Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174)
L’edificio, illuminato da monofore e costruito in pietra locale, ha pianta ottagonale ...
leggi tutto
Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia) Torre dell'orologio - Palazzo Pretorio (G. Gattiglia)
L’opera di rinnovamento edilizio che prevedeva il superamento dell’aspetto medievale ...
leggi tutto
Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro) Facciata sul Lungarno - Palazzo Mosca (M. Febbraro)
Palazzo Mosca è formato da vari edifici realizzati a partire dalla fine del XII ...
leggi tutto
Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons) Palazzo Giuli-Rosselmini-Gualandi (Palazzo Blu) (Saliko, wikimediacommons)
Palazzo Blu nel Trecento apparteneva ai Dell’Agnello, importante famiglia nella ...
leggi tutto
Walking in the City

Chiesa di San Matteo

Vista della facciata e del lato meridionale - Chiesa di San Matteo (C. Balbarini)

La chiesa e l’annesso monastero, appartenenti alle monache benedettine, furono costruiti sulle fondamenta di un precedente tempio a partire dal 1027 circa. La chiesa fu ampliata nel secolo successivo, ma venne poi parzialmente demolita intorno al 1350. Avendo subito i danni di un incendio nel 1607, fu ristrutturata e ridotta nella sua originaria lunghezza, con la divisione dello spazio riservato alle monache da quello destinato ai fedeli.
All’inizio del Settecento la decorazione e gli arredi della chiesa furono completamente rinnovati. Gli interventi decorativi maggiori si devono ai fratelli Melani: la volta affrescata con la Gloria di S. Matteo, le finte statue a monocromo nella controfacciata, gli ovali dipinti ai lati dell’altare maggiore raffiguranti la Morte di S. Benedetto e l’Estasi di S. Benedetto. Con le soppressioni degli ordini religiosi, S. Matteo divenne parrocchia.
Il complesso monastico nel corso dei secoli ha subito i danni delle continue alluvioni dell’Arno, ai quali si sono aggiunti i guasti dell’ultimo conflitto mondiale (è andata distrutta la volta affrescata della chiesa delle monache).
Grazie agli scavi condotti nel 1947 è stato possibile rintracciare i resti delle absidi della chiesa originaria a circa due metri sotto il livello attuale. Anche all’esterno, nel lato destro, nel corpo absidale e nel campanile, si riconoscono le forme romaniche; passando attraverso il Museo di S. Matteo si può inoltre accedere al chiostro medievale, rimaneggiato nel XVI secolo ed oggi incorporato nelle strutture museali.
Degli arredi antichi non più in loco si deve ricordare la monumentale croce con il Christus patiens datata all’inizio del Duecento, ora conservata nel Museo di S. Matteo. Nel primo altare della parete sinistra è invece ancora collocato un crocefisso del XIII secolo, la cui testa è peraltro ridipinta.

Indirizzo:
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 63-65.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
LUOGHI DI CULTO
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

BABETTE FOOD AND ART CAFE'114m

Lungarno Mediceo, 15 - Pisa
Tel.: 050 9913302

TASTEMOTION SRL114m

Lungarno Mediceo, 15 - Pisa
Tel.: 050 541098

TRATTORIA ALLA GIORNATA140m

Via Santa Bibbiana, 11 - Pisa
Tel.: 050 542504

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

ON THE RIVER162m

Lungarno Bruno Buozzi, 2 - Pisa
Tel.: 329 2018893 - 327 12
E-mail: bbontheriver@gmail.com
Sito: www.bbontheriver.it

RESIDENCE DOMUS183m

Via La Tinta, 11-13 - Pisa
Tel.: 050 2201404 - 412 -
E-mail: info@residencedomus.it
Sito: www.residencedomus.it

VERDI192m

Piazza della Repubblica, 5-6 - Pisa
Tel.: 050 598947
E-mail: info@verdihotel.it
Sito: www.verdihotel.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

Marenia non solo mare 2019

DAL 04 GIU AL 30 AGO 2019
Pisa, Tirrenia

Arno, compagno di vita

DAL 28 GIU AL 01 SET 2019
Pisa, palazzo Lanfranchi