Facciata - Chiesa di San Martino (A. Alberti) photogallery Facciata - Chiesa di San Martino (A. Alberti)

La chiesa di S. Martino in Chinzica è attestata per la prima volta nel 1066, ubicata lungo il tracciato della Carraia Maiore, ossia della strada principale in entrata in città da sud (attuale via S. Martino).
L’edificio è una grande fabbrica a navata unica, con transetto poco pronunciato. La chiesa conservata è relativa alla ricostruzione integrale di epoca basso medievale sul luogo della chiesa già attestata nella seconda metà dell’XI secolo, ad opera del conte Bonifacio Novello della Gherardesca, il quale trasformò la canonica in monastero femminile.
La facciata della chiesa, in marmo bianco, è composta da un primo ordine suddiviso in cinque arcate cieche, con al centro il portale d’accesso, mentre la parte superiore della facciata è il risultato degli interventi seicenteschi di restauro. Il resto dell’edificio è completamente costruito in laterizio, con la parte absidale spartita da lesene che creano spazi al cui interno sono tre oculi, uno centrale di dimensioni maggiori e due laterali, definiti con fasce di laterizi sagomati, relativi ai restauri di XVII secolo.
Sia l’abside che i perimetrali, incluso il transetto, sono definiti al coronamento da una serie continua di arcatelle cieche, associate ad una cornice costituita da due fasce di laterizi di taglio. Tale decorazione è arricchita dall’inserimento di bacini ceramici coevi alla fabbrica, soprattutto di produzione pisana (“maiolica arcaica”).
L'interno, ristrutturato nel XVII secolo, conserva un Crocifisso su tavola di Enrico di Tedice (metà del XIII secolo), mentre nella cappella del SS. Sacramento si trovano affreschi trecenteschi di Giovanni di Nicola e Cecco di Pietro. Agli altari di età moderna si trovano una serie di dipinti di importanti artisti, tra cui Palma il Giovane, Orazio Riminaldi, Jacopo Ligozzi, il Passignano e dei Melani.

Testi a cura della Società storica Pisana - (A. Alberti)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Piazza San Martino, 5, 56125 Pisa
Itinerari collegati: San Martino
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 167-171.

G. Berti, Pisa. Le “maioliche arcaiche”. Secc. XIII-XV (Museo Nazionale di S. Matteo), Edizioni All'Insegna del Giglio, Firenze, 1997.

NELLO STESSO ITINERARIO SAN MARTINO

Piazza Chiara Gambacorti (Lucarelli, wikimediacommons) Piazza Chiara Gambacorti (Lucarelli, wikimediacommons)
Nel 2004 la piazza è stata oggetto di uno scavo archeologico che ha permesso di ...
leggi tutto
Lunetta sopra la porta di accesso - Ex Teatro Redini (M. Baldassarri) Lunetta sopra la porta di accesso - Ex Teatro Redini (M. Baldassarri)
Inaugurato nell’autunno del 1901, il teatro prende il nome dal suo fondatore, ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Salviati (www.pisaoggi.it/Guida-di-Pisa/Palazzi) Facciata - Palazzo Salviati (www.pisaoggi.it/Guida-di-Pisa/Palazzi)
Il palazzo aggrega strutture medievali le cui tracce sono ben visibili nel fianco ...
leggi tutto
Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174) Interno - Chiesa S. Sepolcro (Tango7174)
L’edificio, illuminato da monofore e costruito in pietra locale, ha pianta ottagonale ...
leggi tutto
Nino Pisano (attrib.), Madonna in trono col Bambino detta Madonna dei Vetturini, Museo Nazionale di San Matteo: da Pisa nei secoli. L’arte, la storia, la tradizione, 2, a cura di A. Zampieri, Pisa, ETS, 2003, p. 134, fig. 56 Nino Pisano (attrib.), Madonna in trono col Bambino detta Madonna dei Vetturini, Museo Nazionale di San Matteo: da Pisa nei secoli. L’arte, la storia, la tradizione, 2, a cura di A. Zampieri, Pisa, ETS, 2003, p. 134, fig. 56
Risale alla fine del Cinquecento il trasferimento dalla chiesa di S. ...
leggi tutto
Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia) Facciata - Palazzo Lanfranchi (G. Gattiglia)
Il palazzo prende nome dalla famiglia dei Lanfranchi, casata dell’aristocrazia ...
leggi tutto
 
Walking in the City

Chiesa di San Martino

Facciata - Chiesa di San Martino (A. Alberti)

La chiesa di S. Martino in Chinzica è attestata per la prima volta nel 1066, ubicata lungo il tracciato della Carraia Maiore, ossia della strada principale in entrata in città da sud (attuale via S. Martino).
L’edificio è una grande fabbrica a navata unica, con transetto poco pronunciato. La chiesa conservata è relativa alla ricostruzione integrale di epoca basso medievale sul luogo della chiesa già attestata nella seconda metà dell’XI secolo, ad opera del conte Bonifacio Novello della Gherardesca, il quale trasformò la canonica in monastero femminile.
La facciata della chiesa, in marmo bianco, è composta da un primo ordine suddiviso in cinque arcate cieche, con al centro il portale d’accesso, mentre la parte superiore della facciata è il risultato degli interventi seicenteschi di restauro. Il resto dell’edificio è completamente costruito in laterizio, con la parte absidale spartita da lesene che creano spazi al cui interno sono tre oculi, uno centrale di dimensioni maggiori e due laterali, definiti con fasce di laterizi sagomati, relativi ai restauri di XVII secolo.
Sia l’abside che i perimetrali, incluso il transetto, sono definiti al coronamento da una serie continua di arcatelle cieche, associate ad una cornice costituita da due fasce di laterizi di taglio. Tale decorazione è arricchita dall’inserimento di bacini ceramici coevi alla fabbrica, soprattutto di produzione pisana (“maiolica arcaica”).
L'interno, ristrutturato nel XVII secolo, conserva un Crocifisso su tavola di Enrico di Tedice (metà del XIII secolo), mentre nella cappella del SS. Sacramento si trovano affreschi trecenteschi di Giovanni di Nicola e Cecco di Pietro. Agli altari di età moderna si trovano una serie di dipinti di importanti artisti, tra cui Palma il Giovane, Orazio Riminaldi, Jacopo Ligozzi, il Passignano e dei Melani.

Indirizzo:
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, ETS, Pisa 2005, pp. 167-171.

G. Berti, Pisa. Le “maioliche arcaiche”. Secc. XIII-XV (Museo Nazionale di S. Matteo), Edizioni All'Insegna del Giglio, Firenze, 1997.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
LUOGHI DI CULTO
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

GALILEO61m

Via San Martino, 6 - Pisa
Tel.: 050 28287

PIZZERIA DEL GALILEO DI DAILA SAS63m

Via Silvestri, 12 - Pisa
Tel.: 050 500469

OSTERIA DEL VIOLINO79m

Via La Tinta, 33 - Pisa
Tel.: 338 5044455

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

CASA PER FERIE PADRE AGOSTINO120m

Via San Bernardo, 25 - Pisa
Tel.: 050 502245
E-mail: casaperferie@suorefigliedinazareth.it
Sito: www.istitutosuorefigliedinazareth.it

RESIDENCE DOMUS125m

Via La Tinta, 11-13 - Pisa
Tel.: 050 2201404 - 412 -
E-mail: info@residencedomus.it
Sito: www.residencedomus.it

MINERVA200m

Piazza Giuseppe Toniolo, 20 - Pisa
Tel.: 050 501081
E-mail: info@hotelminervapisa.it
Sito: www.hotelminerva.pisa.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

Marenia non solo mare 2019

DAL 04 GIU AL 30 AGO 2019
Pisa, Tirrenia

Arno, compagno di vita

DAL 28 GIU AL 01 SET 2019
Pisa, palazzo Lanfranchi