Facciata - Chiesa di San Frediano (Francesca Anichini) photogallery Facciata - Chiesa di San Frediano (Francesca Anichini)

La chiesa di S. Frediano è menzionata per la prima volta nel 1061 con la doppia titolatura ai SS. Martino e Frediano e con un annesso ospedale. La chiesa e l’attiguo ospizio per i poveri e per i pellegrini sorgevano lungo un importante asse viario urbano ed extra urbano, che si collegava con la viabilità a sud dell’Arno fino a giungere nell’odierna piazza dei Cavalieri, cuore politico della città per tutto il medioevo.
Chiesa e ospedale furono affidati ai Camaldolesi dal 1076 al 1561, quando il complesso passò all’Ordine militare dei Cavalieri di Santo Stefano, che lo utilizzano come sepolcreto e che decorarono la parte centrale della facciata con la Croce dell’Ordine, poi eliminata dai restauri del 1964. Dopo un passaggio di proprietà ai Barnabiti, nel 1594, la chiesa venne corredata di cappelle nobiliari; in seguito alla soppressione del convento, da parte dei Lorena, la chiesa diventò parrocchia (1784), ed ha oggi funzione di chiesa universitaria.
L’attuale facciata, datata tra la fine dell’XI e l’inizio del XII secolo, è frutto del restauro del 1964, volto a recuperare l’aspetto medievale dell’edificio, più volte rimaneggiato nel corso dell’età moderna, soprattutto in seguito all’incendio del 1675. Questa si imposta su tre ordini dove archi ciechi, mensole, losanghe e oculi richiamano gli elementi tipici del romanico mediterraneo, ai quali si intrecciano i reimpieghi di elementi romani ben riconoscibili nell’architrave del portale.
Il campanile a pianta quadrangolare, oggi inglobato in edifici moderni, sembra fattura di XIII secolo. Lo spazio interno, a pianta basilicale, è scandito da colonne con capitelli di XI secolo, scolpiti con elementi antropomorfi e zoomorfi. Qui trova spazio una Croce con scene della passione: un dipinto su tavola con fondo a foglia d’oro del XII secolo, ripristinato nel 1970 dopo l’asportazione di pitture più recenti.

Testi a cura della Società storica Pisana - (Francesca Anichini)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Via Curtatone e Montanara, 7-13, 56126 Pisa
Itinerari collegati: Santa Maria est
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, Pisa 2005, pp. 111-116.

NELLO STESSO ITINERARIO SANTA MARIA EST

Piazza delle Vettovaglie vista dall'angolo nord-est (X. de Jauréguiberry) Piazza delle Vettovaglie vista dall'angolo nord-est (X. de Jauréguiberry)
La piazza assunse l’attuale configurazione in seguito ad una rilettura di questa ...
leggi tutto
Campano - Torre del Campano e altri edifici medievali (M. Febbraro) Campano - Torre del Campano e altri edifici medievali (M. Febbraro)
Lungo Via Calvalca il più famoso edificio è la Torre del Campano, caratterizzato da ...
leggi tutto
Parte della facciata - La Sapienza (D. Stiaffini) Parte della facciata - La Sapienza (D. Stiaffini)
L’atto di fondazione de La Sapienza risale al 1472 quando Lorenzo il Magnifico ...
leggi tutto
Scorcio - Piazza Dante (wifi.unipi.it) Scorcio - Piazza Dante (wifi.unipi.it)
L’ampio spazio costituito da Piazza Dante è il risultato degli interventi di ...
leggi tutto
Particolare dei palchi e della scena - Teatro Rossi (A. Sobrero) Particolare dei palchi e della scena - Teatro Rossi (A. Sobrero)
Si tratta di uno dei teatri pubblici di Pisa, realizzato nel 1770 all’interno ...
leggi tutto
Piazza Carrara (APT di Pisa) Piazza Carrara (APT di Pisa)
Già Piazza S. ...
leggi tutto
Facciata sul Lungarno - Palazzo Reale (D. Tarantino) Facciata sul Lungarno - Palazzo Reale (D. Tarantino)
Il palazzo fu edificato tra il 1583 ed il 1587 per volontà del granduca Francesco I ...
leggi tutto
Navata centrale e altare maggiore - Chiesa di San Nicola (F. Anichini, C. Balbarini) Navata centrale e altare maggiore - Chiesa di San Nicola (F. Anichini, C. Balbarini)
La chiesa di S. Nicola è attestata dal 1097. ...
leggi tutto
Facciata e ingresso del Museo - Orto Botanico (D. Tarantino) Facciata e ingresso del Museo - Orto Botanico (D. Tarantino)
Realizzato tra il 1543 e il 1544 da Cosimo I de’ Medici e su iniziativa del botanico ...
leggi tutto
Walking in the City

Chiesa di San Frediano

Facciata - Chiesa di San Frediano (Francesca Anichini)

La chiesa di S. Frediano è menzionata per la prima volta nel 1061 con la doppia titolatura ai SS. Martino e Frediano e con un annesso ospedale. La chiesa e l’attiguo ospizio per i poveri e per i pellegrini sorgevano lungo un importante asse viario urbano ed extra urbano, che si collegava con la viabilità a sud dell’Arno fino a giungere nell’odierna piazza dei Cavalieri, cuore politico della città per tutto il medioevo.
Chiesa e ospedale furono affidati ai Camaldolesi dal 1076 al 1561, quando il complesso passò all’Ordine militare dei Cavalieri di Santo Stefano, che lo utilizzano come sepolcreto e che decorarono la parte centrale della facciata con la Croce dell’Ordine, poi eliminata dai restauri del 1964. Dopo un passaggio di proprietà ai Barnabiti, nel 1594, la chiesa venne corredata di cappelle nobiliari; in seguito alla soppressione del convento, da parte dei Lorena, la chiesa diventò parrocchia (1784), ed ha oggi funzione di chiesa universitaria.
L’attuale facciata, datata tra la fine dell’XI e l’inizio del XII secolo, è frutto del restauro del 1964, volto a recuperare l’aspetto medievale dell’edificio, più volte rimaneggiato nel corso dell’età moderna, soprattutto in seguito all’incendio del 1675. Questa si imposta su tre ordini dove archi ciechi, mensole, losanghe e oculi richiamano gli elementi tipici del romanico mediterraneo, ai quali si intrecciano i reimpieghi di elementi romani ben riconoscibili nell’architrave del portale.
Il campanile a pianta quadrangolare, oggi inglobato in edifici moderni, sembra fattura di XIII secolo. Lo spazio interno, a pianta basilicale, è scandito da colonne con capitelli di XI secolo, scolpiti con elementi antropomorfi e zoomorfi. Qui trova spazio una Croce con scene della passione: un dipinto su tavola con fondo a foglia d’oro del XII secolo, ripristinato nel 1970 dopo l’asportazione di pitture più recenti.

Indirizzo:
Bibliografia:

F. Paliaga, S. Renzoni, Chiese di Pisa. Guida alla conoscenza del patrimonio artistico, Pisa 2005, pp. 111-116.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
LUOGHI DI CULTO
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

RISTORANTE TURIDDO3m

Piazza San Frediano, 12 - Pisa
Tel.: 050 3137955,050 580600

PISA PIZZA36m

Via Curtatone E Montanara, 19/21 - Pisa
Tel.: 050 20320

PIZZERIA LA TANA41m

V. S. Frediano, 6 - Pisa
Tel.: 050 580540

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

B&B CUORE DI PISA25m

piazza san Frediano, 6 - Pisa
Tel.: 050577521
E-mail: cuoredipisa@gmail.com

B&B I BOTTAI41m

via San Frediano 5 - Pisa
Tel.: +39 3737580007
E-mail: info@ibottai.it

RINASCENTE62m

Via del Castelletto, 28 - Pisa
Tel.: 050 580460
E-mail: info@rinascentehotel.com
Sito: www.rinascentehotel.com

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

Escher. Oltre il possibile

DAL 13 OTT 2017 AL 28 GEN 2018
Pisa, Palazzo Blu

"Corona" - mostra di Flavio Favelli

DAL 22 OTT 2017 AL 21 GEN 2018
Pisa, Chiesa di Santa Maria della Spina

Stagione di danza al Verdi

DAL 21 DIC 2017 AL 07 APR 2018
Pisa, Teatro Verdi

La mostra "Il sessantotto immagini di una stagione pisana

DAL 19 NOV 2017 AL 18 MAR 2018
Pisa, Palazzo Blu