Facciata, su piazza Garibaldi - Casino dei nobili (A. Sobrero) photogallery Facciata, su piazza Garibaldi - Casino dei nobili (A. Sobrero)

Il Casino dei Nobili sorse nella metà del Settecento e fu istituito per le attività ricreative dell’aristocrazia. In quegli anni Pisa e i Bagni di San Giuliano erano mete turistiche di fama internazionale. Feste da ballo, riunioni di gioco, rinfreschi e conversazioni da salotto venivano organizzati per il diletto dei nobili e dei loro numerosi ospiti forestieri ma gravavano sull’economia privata delle famiglie. Così, per meglio corrispondere agli obblighi di rango, i nobili pensarono di erigere a loro spese uno stabilimento pubblico, che coinvolgesse l’intera aristocrazia nella gestione.
L’edificio che nella piazza del Ponte di Mezzo apparteneva ai monaci di Nicosia era perfetto a tale scopo, per cui venne ceduto ai nobili e aperto nel 1754. L’ingresso era garantito ad una cerchia ristretta di gentiluomini, dame, ufficiali dell’esercito in servizio dei sovrani e forestieri; questi ultimi dovevano essere accompagnati da chi garantiva per loro l’appartenenza alle élites aristocratiche.
Il Casino era un luogo per una società scelta e cosmopolita, tuttavia le trasgressioni all’etichetta non mancavano. Il gioco d’azzardo era in grado di riscaldare animi e di generare conflitti anche tra i più compiti cavalieri, tanto che l’attenersi ad una linea di condotta consona al ceto nobile era una condizione esplicitamente prescritta per essere ammessi. La crisi dell’istituto iniziò durante il periodo napoleonico quando si aprirono le Stanze Civiche, una società privata e borghese che accoglieva al suo interno tutto il notabilato cittadino senza troppe distinzioni di status.
Il Casino de Nobili resistette in declino fino al 1852 quando, condannato alla desolazione per i suoi criteri di selezione oramai anacronistici, venne venduto alla società delle Stanze Civiche.

Testi a cura della Società storica Pisana - (A. Sobrero)
Ultimo aggiornamento 18/06/2013
Indirizzo: Piazza Giuseppe Garibaldi, 9, 56126 Pisa
Itinerari collegati: Piazza dei Miracoli
Bibliografia:

A. Addobbati, Il casino dei Nobili di Pisa e il disciplinamento delle aristocrazie toscane nel XVIII secolo, in “Bollettino Storico Pisano”, LXII (1993), pp. 277-307.
A. Addobbati, Alle origini dell’associazionismo borghese: le stanze pubbliche di Pisa (1808-1816) in R.P. Coppini, M.Cini (a cura di), Cityens Pisani: una provincia negli anni napoleonici, Edizioni PLUS, Pisa 2005, pp. 121-150.

NELLO STESSO ITINERARIO PIAZZA DEI MIRACOLI

Statua - Piazza dei Cavalieri (D. Tarantino) Statua - Piazza dei Cavalieri (D. Tarantino)
La piazza è frutto di un’opera urbanistica voluta da Cosimo I nel 1558 ed affidata a ...
leggi tutto
Facciata e ingresso del Museo - Orto Botanico (D. Tarantino) Facciata e ingresso del Museo - Orto Botanico (D. Tarantino)
Realizzato tra il 1543 e il 1544 da Cosimo I de’ Medici e su iniziativa del botanico ...
leggi tutto
Facciata - Chiesa di San Giorgio dei Tedeschi (D. Tarantino) Facciata - Chiesa di San Giorgio dei Tedeschi (D. Tarantino)
La denominazione della chiesa rimanda alla battaglia di Montecatini (1315), durante ...
leggi tutto
Bambino in fasce sopra il portale - Ospizio dei Trovatelli (F. Anichini) Bambino in fasce sopra il portale - Ospizio dei Trovatelli (F. Anichini)
La costruzione dell’Ospizio dei Trovatelli viene fatta risalire al 1315, annesso alla ...
leggi tutto
Battistero di San Giovanni  (Antonio Alberti) Battistero di San Giovanni  (Antonio Alberti)
La fondazione del battistero si data al 1152, ma la sua costruzione ha avuto una ...
leggi tutto
Edificio - Campo Santo Monumentale (A. Alberti) Edificio - Campo Santo Monumentale (A. Alberti)
Il cimitero della Cattedrale fu iniziato nel 1277, per opera di Giovanni di Simone, ...
leggi tutto
Facciata - Cattedrale di Santa Maria (A. Alberti) Facciata - Cattedrale di Santa Maria (A. Alberti)
La prima attestazione della cattedrale risale al 748, anche se la prima attestazione ...
leggi tutto
La torre pendente (A. Alberti) La torre pendente (A. Alberti)
Il 9 agosto 1173 iniziarono i lavori di fondazione della torre campanaria della ...
leggi tutto
Walking in the City

Casino dei Nobili

Facciata, su piazza Garibaldi - Casino dei nobili (A. Sobrero)

Il Casino dei Nobili sorse nella metà del Settecento e fu istituito per le attività ricreative dell’aristocrazia. In quegli anni Pisa e i Bagni di San Giuliano erano mete turistiche di fama internazionale. Feste da ballo, riunioni di gioco, rinfreschi e conversazioni da salotto venivano organizzati per il diletto dei nobili e dei loro numerosi ospiti forestieri ma gravavano sull’economia privata delle famiglie. Così, per meglio corrispondere agli obblighi di rango, i nobili pensarono di erigere a loro spese uno stabilimento pubblico, che coinvolgesse l’intera aristocrazia nella gestione.
L’edificio che nella piazza del Ponte di Mezzo apparteneva ai monaci di Nicosia era perfetto a tale scopo, per cui venne ceduto ai nobili e aperto nel 1754. L’ingresso era garantito ad una cerchia ristretta di gentiluomini, dame, ufficiali dell’esercito in servizio dei sovrani e forestieri; questi ultimi dovevano essere accompagnati da chi garantiva per loro l’appartenenza alle élites aristocratiche.
Il Casino era un luogo per una società scelta e cosmopolita, tuttavia le trasgressioni all’etichetta non mancavano. Il gioco d’azzardo era in grado di riscaldare animi e di generare conflitti anche tra i più compiti cavalieri, tanto che l’attenersi ad una linea di condotta consona al ceto nobile era una condizione esplicitamente prescritta per essere ammessi. La crisi dell’istituto iniziò durante il periodo napoleonico quando si aprirono le Stanze Civiche, una società privata e borghese che accoglieva al suo interno tutto il notabilato cittadino senza troppe distinzioni di status.
Il Casino de Nobili resistette in declino fino al 1852 quando, condannato alla desolazione per i suoi criteri di selezione oramai anacronistici, venne venduto alla società delle Stanze Civiche.

Indirizzo:
Bibliografia:

A. Addobbati, Il casino dei Nobili di Pisa e il disciplinamento delle aristocrazie toscane nel XVIII secolo, in “Bollettino Storico Pisano”, LXII (1993), pp. 277-307.
A. Addobbati, Alle origini dell’associazionismo borghese: le stanze pubbliche di Pisa (1808-1816) in R.P. Coppini, M.Cini (a cura di), Cityens Pisani: una provincia negli anni napoleonici, Edizioni PLUS, Pisa 2005, pp. 121-150.

mappa

INFORMAZIONI UTILI

TipologiaTipologia
EDIFICI STORICI
CondividiCondividi:
Google

Dove mangiare

DA. PIZZI & CO. DI NICOLETTI DANIELE E C. S.N.C.21m

Vicolo Delle Donzelle, 9 - Pisa
Tel.: 348 4064725

BENEDETTI ALESSANDRO26m

Via Dellʼ Aeroporto, 43 - Pisa
Tel.: 050 502268

PISAKECH DI ROMBOLI MARIA & C. SAS26m

Via Pisano Andrea, 71 - Pisa
Tel.: 050 532318

VISUALIZZA TUTTI


Dove dormire

PONTE DI MEZZO37m

Piazza Garibaldi, 12 - Pisa
Tel.: 349 0880688
E-mail: info@pontedimezzo.com
Sito: www.pontedimezzo.com

LE DONZELLE DI VETTOVAGLIE B & B47m

Vicolo delle Donzelle, 3 - Pisa
Tel.: 329 8026760
E-mail: niccolain@hotmail.com
Sito: www.bbledonzelle.com

ROYAL VICTORIA HOTEL92m

Lungarno Antonio Pacinotti, 12 - Pisa
Tel.: 050 940111
E-mail: post@royalvictoria.it
Sito: www.royalvictoria.it

VISUALIZZA TUTTI


PROSSIMI EVENTI

mostra su Alfred Hitchcock al museo della Grafica

DAL 09 APR AL 01 SET 2019
Pisa, Museo della Grafica

Mostra "resurrectio - tributo ai monti pisani"

DAL 18 MAG AL 08 NOV 2019
Pisa, Meeting Art Craft Center

Marenia non solo mare 2019

DAL 04 GIU AL 30 AGO 2019
Pisa, Tirrenia

Arno, compagno di vita

DAL 28 GIU AL 01 SET 2019
Pisa, palazzo Lanfranchi